Baccaglini, pres. Palermo: “Domani sfida difficile, ma penso positivo. Zamparini? Che carattere…”

| 11/03/2017 16:10

Baccaglini parla in conferenza stampa

Baccaglini, neo presidente del Palermo, parla in conferenza stampa prima del match con la Roma. Ecco le sue parole, alla vigilia della sua prima volta al Barbera.

“Domani arriva il momento cruciale, la partita contro la Roma. Ho parlato sia con la squadra che con il mister faccia a faccia per capire come si sentissero, cercando di trasmettere l’entusiasmo che ho percepito in città ai ragazzi. Io credo nella filosofia del pensiero positivo. La situazione certo non la posso salvare io, non posso scendere in campo. Non vedo l’ora domani di essere allo stadio e vivere questa esperienza”.
Zamparini questa settimana ha dimostrato quel carattere e personalità che ho visto in questi mesi quando ho avuto la possibilità di conoscerlo. Mi ha mandato un messaggio molto bello dicendomi di avere una grande fortuna per essere il presidente di una squadra di calcio ed è una delle cose più belle che possono succedere. Anche lui è una forza positiva che gira nella direzione positiva”.
“Mi metterò sempre al servizio della squadra. Abbiamo attirato nella squadra una grande attenzione mediatica ma si gioca a calcio e dobbiamo sostenere la squadra nel modo giusto. Quindi mi metterò da parte e sarò pronto a gioire con tutti i palermitani ma dagli spalti”.
“Sulla questione stadio sono ottimista nonostante lo scetticismo iniziale da parte di tutti. Ho trovato solo persone straordinarie. Bisogna sfatare questo mito che sono sempre contrari a tutto. Loro hanno l’obbligo nei confronti della città che tutte le cose rientrino all’interno di norme e regole. Lo stadio deve avere al suo interno un po’ di flessibilità legata ad un progetto ambizioso senza scontrarsi con la burocrazia. Costruirlo al posto del ‘Renzo Barbera’ non è la prima scelta. Attorno a questo progetto sono legati una serie di eventi, come quello della musica”.
“In caso di salvezza mangerò decine di panini con la milza e poi chiameremo un’ambulanza. Sicuramente tutti assieme possiamo fare l’acchianata al santuario di Santa Rosalia“.
(fonte: Tuttomercatoweb)

Continua a leggere