Fiorentina: esonero Iachini, ecco chi arriva in panchina

| 19/10/2020 08:30

Ora Beppe Iachini rischia il posto. Secondo quanto riportato da GDS, sarebbe già in arrivo il sostituto del tecnico in panchina.

Notizie Fiorentina: esonero Iachini, arriva Sarri

La Fiorentina potrebbe essere protagonista del primo esonero della stagione. In panchina potrebbe arrivare Maurizio Sarri. 

Il pareggio di ieri con lo Spezia, maturato nonostante il doppio vantaggio iniziale, potrebbe costare caro a Beppe Iachini. Il tecnico viola sembra non convincere più nemmeno i calciatori in campo, soprattutto Ribery.

I  quattro punti conquistati finora non sono l’unico campanello d’allarme: sono altrettanto preoccupanti anche altir segnali come i tre tiri in porta nella gara di ieri e gli otto gol incassati nelle ultime tre partite.

Ora il presidente Commisso, presente in tribuna, comincia a riflettere e per questo circolano voci su una possibile chiamata a Sarri (anche se l’ingaggio rende la pista molto difficile).

Se l’ex allenatore della Juve si liberasse dai bianconeri nelle prossime settimane allora tutto potrebbe accadere. Ma il dato di fatto resta uno, a Firenze in queste ore sono partite grosse riflessioni su Iachini. juventus esonero sarri

Ultime Fiorentina, Iachini via: l’annuncio di Pradè

A confermare la delusione è stato anche Daniele Pradè, il direttore sportivo dell’era Commisso, che ha parlato dopo la gara:

«Mi aspettavo di più. Dopo le gare contro Torino (vinta, ndr) e Inter  pensavo fossimo più avanti: non immaginavo questo tipo di partenza in campionato. La sfida con l’Udinese? Ogni partita per noi è un esame decisivo, importante».  juventus sarri
 

 Commisso sulla gara contro lo Spezia

Parole che fanno il paio anche con quelle di Rocco Commisso che non ha trattenuto la delusione:

 «Un gruppo come il nostro, in vantaggio di due gol dopo quattro minuti, deve fare ancora la partita ed uscire con i tre punti dal campo. La proprietà è dispiaciuta, come tutti, ma non dobbiamo mollare: siamo alla quarta giornata. Con uno svarione difensivo e un giocatore in netto fuorigioco le partite possono cambiare ma questa è la regola e permette queste cose. Adesso, però, dobbiamo essere uniti. Alcuni singoli hanno giocato bene, come Amrabat che ha fatto una grande partita ma questo ora non basta per farci vincere. Dobbiamo ripartire».

Beppe Iachini (Getty Images)

 


Continua a leggere