Milan, Ibra batte covid e Inter: è da Scudetto?

| 18/10/2020 08:59

Il Milan di Stefano Pioli conquista la sua quarta vittoria consecutiva in campionato battendo l’Inter di Antonio Conte nella stracittadina. Per i rossoneri non si può non parlare di una candidatura allo scudetto.

milan ibrahimovic

(www.gettyimages.it)

Numeri da grande squadra, il Milan è tornato

Che il merito sia di Stefano Pioli non c’è alcun dubbio, ma l’arrivo a gennaio di Zlatan Ibrahimovic con conseguente ritorno alla fine di Agosto ha dato quel tocco in più alla squadra. Dopo il lockdown i rossoneri non hanno mai perso un incontro tra campionato e coppe. E’ soprattutto un Milan giovane quello visto ieri sera e in queste ultime uscite. Con la vittoria di ieri nel Derby ora la squadra è sola al comando con 12 punti, 4 vittorie su 4. Gli obiettivi della società sono chiari, anche se non lo dicono apertamente. Tranne lo svedese che, subito dopo la fine della partita, ai microfoni di ‘Sky Sport’ ha espressamente detto che per la lotta alla vittoria della Serie A ci sono anche loro. Se i risultati sono questi come dargli torto…

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milan, Ibrahimovic: “Hanno rinchiuso l’animale sbagliato. Scudetto? Noi ci siamo”

Dalla sconfitta interna col Genoa tutto un altro Milan

La sconfitta in casa, dello scorso 8 marzo, contro il Genoa, è servita a tutti come lezione. Le prime partite senza tifosi, il popolo lombardo (e tutta l’Italia) che stava combattendo (e sta tutt’ora) contro un nemico invisibile chiamato Coronavirus. Poi la chiusura obbligatoria in casa: allenamenti sul terrazzo o nei giardini di casa. Riunioni tecniche su Zoom e Microsoft Teams. Le voci di un possibile arrivo di Ralf Rangnick con conseguente esonero di Pioli. Tutto alle spalle. Il Milan tende a dimenticare il passato e concentrarsi sul presente. E perché no, anche sul futuro.

LEGGI ANCHE >>> Milan, Pioli: “Addio Ibra? Vi dico cosa penso”

(www.gettyimages.it)

Con Pioli è tutta un’altra musica

In dieci anni i diavoli ne hanno cambiati di allenatori. Allegri, Seedorf. F. Inzaghi, Brocchi, Montella, Gattuso e Giampaolo. Nessuno che sia riuscito a dare una impronta di gioco e che abbia lasciato il segno. Forse solamente il primo, anche perché è stato l’autore dell’ultimo scudetto in casa Milan. Però con Pioli la dirigenza sa di avere fatto centro e sa bene che un qualcosa di buono si può costruire. La squadra c’è, i giovani pure, poi con un Ibra così…

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter-Milan 1-2: doppio Ibra, accorcia Lukaku ma non basta

 


Continua a leggere