Napoli-Atalanta, Gattuso: “Juventus? Ho rosicato tantissimo, avremmo vinto”

| 17/10/2020 17:17

Napoli-Atalanta è finita con il punteggio di 4-1. Nel postpartita il tecnico dei padroni di casa è intervenuto ai microfoni di Sky, ecco quanto raccolto dalla nostra redazione.

Napoli-Atalanta, le parole di Gattuso

Grande vittoria per gli uomini di Gattuso contro la Dea. La soddisfazione del mister si nota davanti alle telecamere: “Non mi aspettavo questa prestazione perché conosco l’Atalanta. L’abbiamo preparata bene, siamo stati bravi. Osimehn ci dà una grandissima mano. C’è grande determinazione, i nerazzurri è una di quelle squadre che può vincere il campionato. Ha giocato da grande squadra e penso che questo dimostra il valore. Stiamo combattendo contro il Covid e non possiamo stare ancora tranquilli”.

“Siamo una squadra giovane, Bakayoko non giocava da sette mesi. Il modulo è nuovo, la squadra è forte ma dobbiamo ancora migliorare. Osimhen è un giocatore che ci sta facendo vincere le partite insieme agli altri, sono contento per il gol che ha fatto. Sono innamorato delle sue caratteristiche. Per un attaccante è importante mettere la palla in rete”.

“Torino? Non mi fanno parlare, ma a me piace parlare. Ho rosicato per non essere partito. La Juventus è una squadra da battere, avevo la sensazione di potermela giocare tranquillamente. Avevo preparato la partita bene. Sono arrabbiato perché non ci hanno fatto partire. Quando sento dire che non volevamo partire non è assolutamente vero. Ero propenso a giocare, anche la società era d’accordo. Non avevamo alcun tipo di problema”.

Koulibaly? Ha dimostrato per anni di essere un giocatore impressionante, completo ed un campione. Bakayoko? Non porto rancore, con i miei faccio subito pace. Non è un grande palleggiatore, ma se ci si mette ti manda fuori di giro, quando si mette nella posizione giusta è difficile marcarlo”.

napoli atalanta

(www.gettyimages.it)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli-Atalanta 4-1: azzurri da impazzire, sovrastata la Dea


Continua a leggere