Crotone-Juventus, Paratici: “Abbiamo rispettato ogni protocollo. Ronaldo sta bene”

| 17/10/2020 20:40

Allo Scida di Crotone va in scena l’ultimo anticipo del sabato di Serie A: Crotone-Juventus è destinata a cambiare la classifica che nella giornata di oggi ha subìto cambiamenti importanti.

calciomercato juventus paratici

(www.gettyimages.it)

Crotone-Juventus, le parole dei protagonisti

I ragazzi di Giovanni Stroppa arrivano da tre sconfitte consecutive e proveranno contro la Juventus di Andrea Pirlo a guadagnare i primi punti in stagione. Gli ospiti, d’altro canto, arrivano da due settimane molto discusse e dalla decisone del Giudice Sportivo di assegnare il 3-0 a tavolino dopo la mancata sfida con il Napoli. I bianconeri intendono vincere per superare Napoli e Atalanta in classifica e piazzarsi alle spalle del Milan di Stefano Pioli, a punteggio pieno.

Ai microfoni di DAZN, Fabio Paratici, direttore della Juventus, ha analizzato la gara di questa sera e parlato di quello che potrà accadere con il Napoli.

“Io non smetto mai di ringraziare Agnelli e la Juventus per quello che mi hanno dato in questi anni. Dopo le parole di ierio, lo faccio ancora di più. Se arriverà il giorno in cui dovrò lasciare la Juventus, avrò comunicazione diretta dal presidente”.

Napoli?Noi eravamo presenti per giocare. Ci sono regole e protocolli da seguire. Ci atteniamo alla giustizia sportiva e a quello che verrà. Noi, oggi, siamo nella stessa situazione del Napoli, abbiamo viaggiato e torneremo nella bolla per poi partire per Kiev“.

cristiano ronaldo

(www.gettyimages.it)

Paratici: “Ronaldo? Sta bene”

Il direttore della Juventus, poi, si è soffermato sulla situazione legata a Cristiano Ronaldo, attualmente ai box causa Coronavirus e, quindi, assente nella gara di questa sera contro il Crotone.

“Sta bene, è sempre positivo. Oggi non è il giorno per parlare di polemiche e botte e risposta”.

Potrebbero interessarti anche

Inter-Milan, i rossoneri volano in classifica: sintesi e highlights

Napoli a valanga sull’Atalanta, Gattuso: “Peccato non essere andati a Torino”


Continua a leggere