Inter, Conte: “Sanchez? Valuteremo le sue condizioni. Eriksen? Per me gioca il giusto”

| 16/10/2020 14:40

Vigilia prepartita per il tecnico dei nerazzurri, Antonio Conte. Domani sera la sua squadra affronterà il Milan in un derby attesissimo, valido per la quarta giornata di campionato di Serie A.

Antonio Conte

(www.gettyimages.it)

Conte: “Derby preparato in poco tempo

Ecco le dichiarazioni dell’ex commissario tecnico della Nazionale: “Derby? Abbiamo avuto poco tempo per prepararlo. Avrei preferito avere qualche giorno in più a disposizione, non abbiamo altre soluzioni. L’importante è non forzare troppo i calciatori appena rientrati. Mi aspetto una crescita da parte dei ragazzi sotto tutti i punti di vista. Cerco di responsabilizzarli sempre di più, è importante per loro e per fare un’ulteriore step in avanti. Sanchez? E’ tornato con un affaticamento muscolare. Faremo delle valutazioni oggi durante l’allenamento, cercheremo di essere molto attenti perché questa è la prima di un ciclo di sette partite dove giocheremo ogni tre giorni. Ci prenderemo il giusto rischio. Se dovesse essere a disposizione deve dirmelo lui“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Inter, scelto il dopo Handanovic: asta con la Roma

Sul Coronavirus: “Periodo complicato, dobbiamo essere tutti uniti

Penso che in un momento molto difficile come questo dovremmo essere bravi tutti e collaborativi. Sia nello sport che nella vita quotidiana. Bisogna avere molta pazienza e disponibilità. Abbiamo trascorso un periodo molto duro e ce lo siamo dimenticati in fretta. Ora sembra che stia ritornando di nuovo un periodo complicato per tutti. A livello sportivo e di vita privata dobbiamo essere più uniti tutti per cercare di affrontare questa situazione nel migliore dei modi. Fermarsi sarebbe disastroso. Quello che dico potrebbe essere inutile. E’ un momento in cui dobbiamo tutti unirci e fare del nostro meglio nell’ambito in cui siamo impegnati. Lo scorso anno abbiamo fatto 113 gol, un numero importante e che mi auguro possa ripetersi anche quest’anno. Il calcio? Cambia, è sempre in continua evoluzione. Sia in Europa che in Italia. Ognuno deve lavorare in base alla situazione e in base alla possibilità. Uno si deve adeguare in base al tipo di posizione. Se devi salvarti dovrai adottare delle strategie che sicuramente sarà diversa rispetto ad una squadra che lotta per vincere. In Italia si è alzato il livello e la voglia di confrontarsi anche a viso aperto e di portare pressioni di costruire . Questo è importante perché lo stiamo riportando anche all’estero”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter: ecco l’offerta per l’esterno

calciomercato inter

Antonio Conte

Su Eriksen: “Per me gioca il giusto

Non penso che le difficoltà maggiori o minori debbano abbassare la voglia o la determinazione di una squadra, quelle devono rimanere sempre le stesse. Per quello che mi riguarda sono soddisfatto di quello che ho visto nei miei calciatori. Ho trovato un gruppo che ha voglia di fare e che ha grande volontà. Derby? Mi aspetto una partita tra due squadre che hanno elementi molto interessanti e che porteranno il loro apporto. Hamiki ed Hernandez sono due esterni di ottima qualità. Difesa? Chi gioca gli chiedo di essere bravo in costruzione e diventare un elemento aggiuntivo nella fase offensivo, ovviamente non con tutti e due i centrali. In passato ho avuto terzini che ora si stanno adattando come centrali, come Azpilicueta del Chelsea. Molte squadre stanno utilizzando la difesa a 3, negli anni è diventata un modulo più offensiva. Eriksen? Se all’Inter giochi poco o meno non lo so. Per me sta giocando il giusto. Prendo le decisioni per il bene della squadra, posso sbagliarle o no è relativo. Sono contento del suo apporto in nerazzurro, credo che anche lui sia felice di lavorare con i suoi compagni e con il mio staff. Ci sarà spazio per lui e per tutti quanti perché sarà lunga ed estenuante. Mercoledì giochiamo subito in Champions. Tifosi? Giocare senza pubblico non è bello. Ci si dimentica che alcune persone rinunciano a qualcosa per pagare il biglietto e vedere la sua squadra del cuore. Bisogna essere più collaborativi per cercare di uscire da questa situazione. Daremo il massimo“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, nuovo giro di tamponi: tante assenze per Conte per il Derby con il Milan

 

 

 

 

 


Continua a leggere