Juventus-Napoli, perché il giudice ha condannato gli azzurri? La spiegazione della sentenza

| 14/10/2020 18:50

Come mai il giudice Gerardo Mastrandrea ha deciso di condannare il Napoli a 1 punto di penalizzazione oltre a vedersi sconfitti a tavolino nella gara che non hanno disputato contro la Juventus? Sul sito ufficiale della Lega di Serie A c’è la motivazione della pronuncia del primo organo della giustizia sportiva.

Perché il Giudice ha deciso per il 3-0 a tavolino? Il motivo

In molti si aspettavano una vittoria della tesi azzurra: essendo l’ASL Napoli 2 Nord competente in materia sanitaria, un provvedimento dell’azienda sanitaria campana che bloccava gli azzurri dall’affrontare una trasferta non poteva essere messo in discussione dalla giustizia sportiva.

juventus-napoli

(www.gettyimages.it)

In particolare per il diritto sportivo, almeno secondo l’interpretazione dell’avvocato Grassani, questo provvedimento costituiva una causa di forza maggiore, che secondo l’articolo 55 del Noif della FIGC, rendeva quindi giustamente impossibile la prestazione per gli azzurri. Chiarendo invece che non trattando del provvedimento nel merito dell’ASL, ma se questo costituisse davvero causa di forza maggiore, il Giudice ha spiegato perché gli azzurri vanno considerati sconfitti a tavolino e penalizzati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus-Napoli, le reazioni dopo la sentenza

Juventus-Napoli

Juventus-Napoli (Getty Images)

La spiegazione della sentenza di Mastrandrea

Nel dispositivo si riassumono tutte le comunicazioni intercorse tra l’ASL e la Società Sportiva Calcio Napoli. In particolare, si evidenzia come in data 2 ottobre gli azzurri ricevessero una comunicazione nella quale si veniva chiarito loro che la responsabilità sanitaria del contenimento dell’epidemia tra i propri calciatori era in capo solamente alla società. Il 3 ottobre poi l’ASL Napoli 1 formalizzava l’elenco dei nomi da individuarsi come contratti stretti dei contagiati in casa azzurra.

LEGGI ANCHE >>>> Ufficiale, il Giudice Sportivo condanna il Napoli

Tutte queste attività fanno emergere come fino a quel momento il rispetto del protocollo non fosse in dubbio e che la partita potesse svolgersi tranquillamente. Il problema della sostenibilità del match è emerso soltanto in seguito a richiesta del Napoli, che a questo punto, dimostra, secondo il giudice, di non aver fatto di tutto affinché la gara si svolgesse, nonostante fosse stato fornito più di un appiglio per giocare. La soppravvenuta forza esterna quindi, diviene irrilevante secondo Mastrandrea.


Continua a leggere