Calciomercato Sassuolo: Djuricic ha rinunciato ad una big

| 09/10/2020 10:30

Filip Djuricic, centrocampista del Sassuolo, ha parlato della sua stagione e del suo momento di forma nel corso di un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport.

Mercato Sassuolo, Djuricic all’ultima stagione?

Meriti di De Zerbi?

«Non ho mai avuto molta continuità, mi serviva tempo e fiducia. Ringrazio De Zerbi, senza di lui non so dove potrei essere».

Esagerato.

«Mi ha voluto fortemente al Benevento quando ero in un periodo difficile, dopo la Samp. Sa cosa voglio e ha un’idea di calcio che è anche divertente».

È il suo momento migliore?

«Il più qualitativo, anche se con il Benfica ho alzato trofei».

Quanto aiuta la serenità del Sassuolo?

«Tantissimo, qui è come stare in famiglia. Ho giocato in club più stressanti come Benfica e Samp, in ogni situazione ci sono aspetta diversi».

Cosa non ha funzionato alla Samp?

«Giampaolo non mi vedeva, peccato perché il modo di giocare si addiceva alle mie caratteristiche».

Cosa funziona al Sassuolo?

«Tutto: a cominciare da una società seria e organizzata che sostiene l’idea del tecnico».Djuricic

Djuricic sui suoi sogni

Gol Spezia?

«Ne ho segnato uno molto simile alla Germania con l’U21».

Trequartista o esterno?

«Col Sassuolo gioco sulla fascia e so accentrarmi. Nelle altre squadre mi muovevo dietro le punte, un ruolo che però è per tutti più difficile».

Genio e sregolatezza?

«Noi serbi siamo particolari, normale essere così. In campo vado sereno mentre tre-quattro anni fa ero più cattivo. Ora rifletto quando devo parlare».

È rimasto il genio…

«Ho due figli e do l’esempio».

Più forte Djuricic o Boga?

«Mai visto uno saltare l’uomo come fa lui. Io ho altre qualità».

Migliorare secondo De Zerbi?

«È un martello e fa bene. Ho ancora tanto da dare».

Il Sassuolo è speciale?

«Il pressing, le giocate tra le linee, gli scambi brevi, a due tocchi: ogni passaggio ha una sua logica. Guardo il City di Guardiola e rivedo quello che spiega il mister. Ma possiamo anche cercare soluzione alternative. Prendiamo il lancio lungo di Ferrari per il mio gol alla Samp che non è stato causale. Un calcio che non tutti capiscono, ma è il futuro. Mi hanno allenato campioni come Van Basten, Koeman, Mihajlovic, altri esperti come Advocaat ma De Zerbi resta il numero uno, lui vede cose diverse».

Djuricic

Djuricic no al Milan

Djuricic sul Milan

Van Basten l’aveva consigliato al Milan.

«Ma io ho detto no».

Perchè?

«Ero giovane, il Milan era in crisi. Non mi sentivo pronto».calciomercato milan dalot

 


Continua a leggere