Juventus, svaligiata la villa di Cristiano Ronaldo: il furto è inaspettato

| 08/10/2020 18:45

Mentre il calciatore era impegnato in campo con la sua nazionale contro la Spagna di Luis Enrique, un ladro è entrato nella sua villa a Madeira (in Portogllo) per rubare alcune cose di poco valore ed una maglia autografata. La polizia portoghese ha identificato e arrestato il malvivente.

juventus infortunio cristiano ronaldo

Stampa portoghese: svaligiata casa di Ronaldo

Brutta disavventura per il fuoriclasse della Juventus, Cristiano Ronaldo. Secondo la stampa portoghese un uomo è entrato nel garage della casa del calciatore, in una villa a Madeira, approfittando dell’apertura del cancello da parte di un dipendente. Il ladro ha rubato oggetti di poco valore ed una maglia autografata della Juve, secondo la stampa locale tra i suoi ricordi più cari. Una volta identificato è stato subito arrestato grazie ai video della telecamera di sorveglianza. Fortunatamente nella dimora del calciatore, al momento del misfatto, non c’era nessuno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus, 7 bianconeri nei guai: la Procura apre un’indagine

Nel frattempo il portoghese stava affrontando la Spagna

Ieri sera, mentre il malvivente rubava in casa sua, il numero 7 bianconero era in campo nella sfida amichevole contro la Spagna per il cosiddetto “derby della penisola iberica”. Punteggio finale 0-0. L’ex Real Madrid è andato anche vicino al gol, se non fosse stato per la traversa che ha colpito nella seconda frazione di gioco.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, ci pensa CR7: operazione “alla De Ligt”

calciomercato juventus cristiano ronaldo

Nei giorni scorsi si era parlato di una possibile riapertura del caso di stupro

Le indagini che riguardano Cristiano Ronaldo, su un possibile stupro ai danni di Kathryn Mayorga, potrebbero ben presto riaprirsi. Il tutto successe nel giugno del 2009, quando l’attaccante si era appena trasferito dal Manchester United ai ‘blancos’, in un hotel di Las Vegas. Secondo il programma televisivo “Deportes Cuatro” un esame potrebbe portare a delle nuove indagini. Gli avvocati della donna dichiarano che la ragazza ha sottoscritto un accordo per ritirare le accuse incassando una cifra di 300.000 euro dal calciatore. Quando avrebbe firmato ciò “non era in sé”. A breve la Mayorga si sottoporrà ad un test di capacità mentale, così i suoi legali potranno dimostrare che la donna non conosceva tutti i termini del contratto e le conseguenze di quell’accordo che sarebbe stato firmato solamente l’anno dopo i fatti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, via libera per Sarri: ecco dove può allenare

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, pronto il maxi-affare con il Barcellona


Continua a leggere