Euro2021: Italia, certezze e sorprese al servizio di Mancini (FOCUS CM24)

| 10/09/2020 13:20

Il campionato di Serie A si appresa a ricominciare, ed in questo periodo che precede l’inizio della nuova stagione, a farci compagnia ci ha pensato la Nazionale Italiana, attualmente impegnato nella Nations League. La squadra di Mancini arriva da una bella vittoria contro l’Olanda, e nel corso di questi ultimi giorni l’ottimismo è tornato a regnare in quel di Coverciano. Gli azzurri hanno dimostrato di essere una squadra quadrata, e che in vista dell’Europeo, può davvero essere una delle favorite.

Italia: le certezze di Mancini

italia Mancini

 

L’Italia continua a lavorare per l’Europeo, e le sfide di Nations League sono senza dubbio una prova importante, soprattutto per Mancini. Il ct italiano potrà avere modo di osservare con cura tutti i suoi giocatori, e in caso anche di provare dei nuovi moduli e utilizzare nuovi giocatori. Ma se c’è una cosa che dà garanzie a tutti, quella è sicuramente il reparto di centrocampo. In questo ultimo periodo uno di quelli che si è messo maggiormente in mostra è Nicolò Barella, il quale arriva da una stagione molto positiva con la maglia dell’Inter, e da diverse partite altrettanto buone in Nazionale. Il giovane centrocampista è salito in cattedra nell’ultima gara, e le sue doti sia tecniche che tattiche non possono che dar sicurezza in quella zona di campo. 

Se pensiamo a lavoro, impegno e duttilità non possiamo poi che pensare a Danilo D’Ambrosio, altro giocatore che ad oggi sembra essere uno dei più in forma della rosa. Il terzino dell’Inter è riuscito a mettersi in mostra sotto la guida di Conte, e partendo in sordina, si è guadagnato titolarità e stima totale da parte dei suoi tecnici. L’ex Torino sta facendo benissimo, e in vista dell’Europeo non possiamo non considerarlo come parte integrante degli azzurri.

In attacco troviamo invece Lorenzo Insigne, che nonostante qualche alto e basso, è certamente il giocatore più affidabile nel reparto. Forse dal punti di vista tecnico il migliore della squadra, e senza ombra di dubbio uno su cui far poter fare maggiore affidamento. Il capitano del Napoli ha cercato più volte di prendersi per mano i compagni, e la nostra sensazione è che nel prossimo Europeo possa finalmente dimostrare tutta la sua stoffa. Mancini si fida ciecamente di lui, e pure noi.

insigne italia

(www.gettyimages.it)

LEGGI ANCHE: Italia, Mancini: “Gruppo per l’Europeo è gia formato”

>>>Italia, Mancini: “Sorpreso dalla squadra, il prossimo mese andrà meglio”

Le possibili sorprese all’Europeo

Parlare di una Nazionale non è mai facile, specie perchè a distanza di tempo dall’Europeo, le convocazioni potrebbero cambiare. Intanto però, anche stando ai nomi che possiamo leggere nelle varie diramazioni, ci sono diversi giocatori che potrebbero impressionare non poco nelle competizioni che contano. Il primo è Leonardo Spinazzola, terzino della Roma, e protagonista di un match molto positivo contro l’Olanda. La sua crescita, partita dall’Atalanta e continuata poi in maglia giallorossa, si è fatta notare non poco, e la sua continua spinta sulla fascia sinistra può essere un’arma letale per Mancini. Il classe 93′ ha collezionato 32 presenze con la squadra capitolina, segnando 2 gol: Fonseca lo ha valorizzato parecchio, ora ci si aspettano buone cose da lui anche con la maglia dell’Italia.

Passiamo stavolta a centrocampo, dove la nostra fiducia viene posta in Manuel Locatelli, altro ragazzo cresciuto moltissimo negli ultimi mesi. Dopo una fase calante vissuta con il Milan e subito dopo, il centrocampista è riuscito ad esprimersi in tutto il suo talento con la maglia del Sassuolo in fase di regia ed impostazione. Sotto la guida di De Zerbi ha ottenuto diversi encomi, e la stima nei suoi confronti è maturata a dismisura. Campionato da incorniciare per il 22enne, ora chiamato al grande salto anche nei vari impegni in campo internazionale.

Occhi puntati anche sull’attacco, dove troviamo in grande spolvero un certo Ciccio Caputo. Il bomber, anche lui in forza al Sassuolo, si è reso protagonista di un’annata speciale, condita da ben 21 gol in campionato in 37 presenze. Idolo social e giocatore d’altri tempi, l’attaccante classe 87′ può davvero fare la differenze nei prossimi Europei, magari incarnando ancora una volta tutta l’italianità che in questi si è un po persa. Unica “colpa” essere arrivato a grandi palcoscenici un po tardi, ma noi vogliamo ancora una volta essere fiduciosi in lui. In fondo, pochissimi volte siamo rimasti delusi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Roma, salta l’operazione di Zaniolo: cambio di programma

Nazionale Italiana: chi deve ancora convincere

Se fino ad adesso ci siamo concentrati su certezze e soprese, adesso invece è doveroso fare un punto della situazione su chi deve ancora guadagnarsi fiducia e convocazione da Mancini. In difesa troviamo Mattia Caldara, che nonostante sia stato in lista per Bosnia ed Olanda, ancora deve ritrovare la forma migliore in vista dell’Europeo. Il centrale dell’Atalanta ha vissuto dei momenti difficili per via di vari infortuni, adesso ha bisogno di smalto e costanza per meritarsi qualche chance anche in azzurro.

Formazioni ufficiali Fiorentina-Atalanta, Caldara

Discorso più o meno simile per Gaetano Castrovilli, stavolta però senza problemi fisici. Il centrocampista della Fiorentina, alla sua prima stagione in Serie A, ha impressionato tutti, Mancini compreso. Ovviamente si tratta di un giocatore di talento, ma che ha ancora bisogno di accumulare esperienza e costanza. La prossima stagione a Firenze sarà un banco di prova importante per lui: per adesso è in lista, ma per ottenere fiducia dovrà riuscire a riconfermarsi tra i grandi anche nei prossimi mesi.

Se fino ad adesso abbiamo parlato di giocatori ancora in rampa di lancio, in questo caso vi citiamo un nome che ormai non ha più bisogno di presentazioni: Domenico Berardi. Assente nell’ultima diramazione di convocati, ma protagonista di un’annata molto convincente con il Sassuolo, dove è riuscito a segnare ben 14 gol e realizzare 11 assist. Per lui non c’è più tempo: a 26 anni è arrivato il momento di stupire anche in Nazionale. Il prossimo Europeo deve essere per lui non solo un obiettivo, ma anche un dovere.

(www.gettyimages.it)

Di: Christian Mattera

 


Continua a leggere