Calciomercato Fiorentina, De Rossi: “Allenare i viola? Andrei a piedi…”

| 07/09/2020 19:00

Daniele De Rossi, l’ex centrocampista di Roma e Boca Juniors, quest’oggi ritirerà il premio “Pietro Calabrese” per la sua carriera da calciatore. Prima dell’evento, l’ex vice-capitano giallorosso ha risposto ad alcune domande dei giornalisti riguardanti il suo futuro e non solo.

bologna de rossi

De Rossi parla dei suoi ex compagni di nazionale

Daniele De Rossi ha speso parole di elogio per i suoi vecchi compagni di nazionale ed ex colleghi. A cominciare dal ‘Maestro’ Andrea Pirlo: “Quando scendeva in campo era un vero e proprio fenomeno. Secondo me non sarà facile per lui all’inizio, avrà tanta pressione addosso. La Juventus è un club esigente, sulla loro panchina volevano una persona con personalità e credo che con Andrea hanno fatto la scelta giusta. Sa che è condannato a vincere”. Su Simone Inzaghi e Gattuso invece: “Anni fa non avrei dato una lira ad allenatori che invece stanno facendo grandissime cose. Ed è proprio il caso loro, non pensavo potessero diventare così bravi. Alla fine sono i risultati quelli che contano di più. Io allenatore? La voglia c’è, manca solo il patentino. Poi in futuro vedremo“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Fiorentina, cessione Chiesa: crolla il prezzo di Commisso

Su Friedkin: “Non ho da dargli nessun consiglio

Sul nuovo proprietario della Roma, Dan Friedkin: “Che errore non deve fare? Non ne ho idea. In questo momento non mi sento di dargli consigli. Da quello che ho potuto sentire nei suoi discorsi, per quanto riguarda il fatto di tenere tutti i piedi per terra, credo che possa essere solo un bene. E’ inutile promettere cose se poi non le mantieni. La piazza di Roma è passionale, accendere subito gli animi potrebbe essere una mossa controproducente“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Fiorentina: scambio con il Napoli in cantiere

E sulla Fiorentina: “A Firenze andrei a piedi. Roma? Mi mancano i tifosi

Da poco sono entrato in un’agenzia che si occupa di calciatori e di allenatori. Semplicemente è una cosa che ti avvicina a questo tipo di lavoro, nulla più. Ritornando al discorso patentino spero di farlo al più presto e di allenare quanto prima. Fiorentina? E’ una piazza importante, andrei addirittura a piedi. Credo che qualsiasi squadra di Serie A sia un ottimo punto di partenza. Tutti gli allenatori inseguono questo sogno. Io alla Roma? I tifosi mi mancano, ma rispetto chi sta lavorando lì”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Fiorentina, arriva l’annuncio del presidente: ecco il jolly

 

 

 


Continua a leggere