Coronavirus, parla Wanda Nara: “Io e i miei figli siamo negativi”

| 04/09/2020 19:00

Wanda Nara, moglie del calciatore del Paris Saint Germain Mauro Icardi, ha voluto comunicare sul proprio profilo Instagram le sue condizioni di salute e dei suoi figli. Loro sono risultati negativi al tampone, a differenza dell’ex nerazzuro che ha contratto il virus.

wanda nara icardi

Wanda Nara rassicura: “Io e i miei figli stiamo bene

La showgirl Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, ha voluto rassicurare tutti i suoi follower su Instagram di stare bene e di non essere risultata positiva al Coronavirus. Poche ore fa ha pubblicato un post sul suo profilo dove ha scritto: “Stiamo tutti bene, il mio risultato è negativo come quello dei miei bambini. Grazie per il vostro amore e di esserci preoccupati per noi“. Purtroppo non può dire lo stesso del fuoriclasse argentino che, proprio nella serata di ieri, ha ricevuto la brutta notizia di essere risultato positivo al Covid-19 insieme ad altri due compagni di squadra. Dovrà effettuare il periodo di quarantena obbligatorio e rifare il tampone tra due settimane. Sperando per lui e per la squadra parigina di aver eliminato, definitivamente, il virus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> News Monza, Silvio Berlusconi positivo al Coronavirus

Non solo Icardi, ecco gli altri suoi compagni positivi

Di ritorno dalle vacanze ad Ibiza e dalle Isole Baleari, alcuni calciatori del club parigini hanno contratto il virus. Dopo Mauro Icardi è toccato al portiere costaricano Keylor Navas, al difensore brasiliano Marquinhos, ai due centrocampisti argentini Leandro Paredes e Angel Di Maria e all’attaccante Neymar. Tutti i calciatori sono asintomatici, stanno bene e resteranno in isolamento fiduciario (ha fatto sapere il Psg sul proprio sito emanando un comunicato ufficiale).

LEGGI ANCHE >>> News Roma, quarto giocatore positivo al Covid-19. Ecco di chi si tratta

Mauro Icardi e Wanda Nara (Getty Images)

Cosa succederà ora al Psg? Il punto della situazione

Sei casi di positività nel club parigino. La squadra dello sceicco Nasser Al-Khelaifi potrebbe non disputare le prime partite della Ligue 1. Infatti il regolamento prevede che se in squadra ci sono quattro più casi, il match deve essere rimandato. Guai seri per il Paris Saint Germain che ha dovuto rinviare già la prima partita di campionato, perché pochi giorni prima aveva disputato la finale di Champions League (poi persa) contro il Bayern Monaco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Pogba positivo al Covid-19. Deschamps convoca Rabiot

 


Continua a leggere