Calciomercato Inter, Messi-Barça rottura totale. Lettera alla Liga: “Clausola non più valida”

| 04/09/2020 15:00

L’Inter di Antonio Conte non si è ancora riunita per la stagione 2020/21 e il tecnico leccese attende ancora di capire quali saranno i colpi che arriveranno dal calciomercato.

barcellona messi

(www.gettyimages.it)

Calciomercato Inter, il padre di Messi invia un comunicato alla Liga

Per un po’ di giorni si è cullato il sogno Messi. Il campione argentino ha rotto con il Barcellona ed è pronto a lasciare il club dopo 20 anni di carriera. Nelle ultime ore, però, sembrava essere leggermente rientrata la situazione dopo l’incontro di Bartomeu con il padre (e agente) di Messi. Ma la rottura è ancora ben fissata. Poco fa il padre di Messi, Jorge, ha inviato un comunicato alla Liga, in cui ha ribadito la non validità della clausola rescissoria da 700 milioni. Per l’Inter l’affare sembra altamente complicato, soprattutto perché c’è il Manchester City di Pep Guardiola ad attendere la fine della telenovela.

Calciomercato Inter, Rakitic non le manda a dire a Vidal: le sue parole

Calciomercato Inter, Jorge Messi: “La clausola non è valida”

Jorge Horacio Messi, in rappresentanza del calciatore professionista Lionel Andrés Messi, in risposta alla Nota Informativa pubblicata il 30 agosto 2020 dalla National Professional Soccer League, in relazione alla situazione contrattuale del giocatore e indipendentemente dalla sua evidente predilezione per il ruolo che tale istituzione rappresenta a difesa degli interessi dei propri associati (società calcistiche), deve affermare che:

1 – Non sappiamo quale sia il contratto che hanno analizzato e quali sono le basi su cui concludono che avrebbe una “clausola risolutiva” applicabile nel caso in cui il giocatore decidesse di sollecitare la risoluzione unilaterale dello stesso, con effetto dalla fine della stagione sportiva 2019/20.

calciomercato inter messi

(www.gettyimages.it)

Inter, ecco come Messi si libera dal Barcellona

La lettera di Jorge Messi continua, poi, ribadendo che la clausola di 700 milioni di euro non trova applicazione. Il motivo è da trovare nella volontà, unilaterale, di lasciare il club.

2 – Ciò è dovuto a un errore evidente da parte della Liga. Inoltre, come letteralmente affermato nella clausola 8.2.3.6 del contratto firmato tra il club e il giocatore:

Questo risarcimento non si applicherà nel momento in cui la risoluzione del contratto per decisione unilaterale del giocatore avrà effetto dalla fine della stagione sportiva 19/20“.

Fatti salvi altri diritti che sono inclusi nel contratto e che si omette, è evidente che il risarcimento di 700 milioni di euro, previsto nella clausola, non trova affatto applicazione“.


Continua a leggere