Calciomercato Inter, Bartomeu ricatta mediaticamente Messi

| 27/08/2020 19:00

Una calda estate a puntate, che probabilmente resterà bollente fino ad autunno inoltrato. C’è da scommettere che la querelle MessiBarcellona (con Inter, Juventus e le altre big interessate spettatrici) duri fino alla fine di settembre, ossia per la chiusura del calciomercato.

Messi lascia Barcellona, impazza il mercato: ci sono anche Inter e Juve

Da quando la Pulce ha inviato quel fax, niente è stato più lo stesso. Le ricerche su Google, i tweet, le prime pagine dei giornali di tutto il mondo: l’addio dopo 20 anni dell’argentino alla città che ha ospitato finora le sue gesta ha creato grande clamore. E, giustamente, smosso le acque del calciomercato. Manchester City, PSG, Inter e Juventus: tutte le corazzate dal punto di vista economico in Europa (e quindi nel mondo), sono in fila per capire quali siano i margini per accaparrarsi quello che per molti è il migliore al mondo. Ma forse nessuno ha fatto i conti con il Barcellona, deciso a lottare fino alla fine pur di trattenere il campione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Messi in Italia? Tutto possibile”: le parole dell’agente

Mercato Inter ultime Messi

Leo Messi (www.gettyimages.it)

Bartomeu prova lo scacco matto a Messi: le condizioni della resa

Pur di non diventare il presidente che ha fatto scappare via Messi, Josep Bartomeu è disposto a dimettersi. Ma secondo quanto riferiscono i giornalisti dell’emittente spagnola TV3, ha al tempo stesso posto delle condizioni affinché ciò avvenga. La prima è che sia il campione argentino a dichiarare, pubblicamente, che la causa della sua voglia di partire è Bartomeu stesso e che in caso di sue dimissioni, resterebbe. Dalla pubblica gogna alla beatificazione per martirio: questa la strategia del dirigente catalano per la sua uscita di scena.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Non solo Messi, arriva un altro colpaccio dal Barça

Messi e Guardiola (www.gettyimages.it)

Addio al Barcellona, il cavillo nel contratto che Messi intende sfruttare

Come risaputo, nel contratto dell’argentino (valido fino al 2021) c’è una clausola che gli permette di liberarsi dal Barcellona entro il 10 giugno di ogni stagione, praticamente a 0. Secondo i legali del campione, visto che la stagione è terminata ad agosto inoltrato, allora il termine per esercitare tale facoltà è stato prolungato fino a 10 giorni dopo l’ultima partita ufficiale (in questo caso, la sconfitta contro il Bayern Monaco). Gli avvocati del club catalano invece, contano di far prevalere l’interpretazione letterale del contratto: se Messi vorrà partire senza accordo, dovrà pagare 700 milioni di euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, Conte potrebbe abbracciare un altro pupillo


Continua a leggere