Brescia, Cellino: “Seconda ondata la peggiore. Non è Tonali il contagiato”

| 21/08/2020 11:30

Brescia, Cellino: “Seconda ondata la peggiore. Non è Tonali il contagiato”

Massimo Cellino, presidente del Brescia, ha parlato nel corso di un’intervista concessa al Corriere della Sera.cellino brescia coronavirus

Le parole di Cellino

 

“Virus? La seconda ondata peggio della prima. Io ho avuto il virus ma senza sintomi, stavolta parliamo di giocatori che hanno 20 anni e non stanno bene. Mi aspettavo maggior professionalità da parte dei calciatori? Abbiamo constatato che l’attenzione ci ha aiutato, senza fare i cretini. Ora con due balli in discoteca i calciatori si sono infettati tutti.

Come sto? Personalmente ho impiegato sessanta giorni prima di negativizzarmi, ecco perché mi chiedo come si possa programmare un campionato intero in queste condizioni. Prima di iniziare avremmo bisogno di regole certe, sapendo ad esempio come saranno gli stadi e come sarà il sistema fiscale. Dicevano che non volevo riprendere il campionato per paura di retrocedere ed io parlavo dei problemi che abbiamo ora”.

Coronavirus, Tonali positivo?

Si è parlato anche Tonali come contagiato del Brescia, le parole di Cellino in merito:

“Il nostro giocatore positivo? Lo abbiamo scoperto perché era in vacanza ed è stato male, per questo si è sottoposto al tampone. Tonali? No assolutamente, ma anche lui è in isolamento fiduciario visto che ha avuto alcuni contatti ma sta bene. Ho dato disposizioni a tutti i calciatori di presentarsi in ritiro con test già effettuati, non voglio radunarli senza analisi. Poi come società provvederemo a organizzare il secondo tampone. La colpa poi sarebbe mia se il gruppo si contagiasse”.

Leggi anche >>> Brescia, esonerato Lopez


Continua a leggere