Europa League, il pronostico di Capello: “L’Inter giocherà la finale”

| 16/08/2020 19:45

L’ex allenatore Fabio Capello, ora opinionista di Sky Sport, ha rilasciato un’intervista esclusiva a Tuttosport.

Champions League, l’analisi di Capello

L’Italia non avrà rappresentanti nelle semifinali di Champions League. Dopo l’eliminazione della Juventus e del Napoli, è arrivata anche quella dell’Atalanta. Per questo motivo è stato chiesto a Capello, i motivi per cui le squadre italiane non sono riuscite a centrare l’obiettivo: “In Serie A gli arbitri fischiano ogni cosa e ammoniscono i giocatori. Siamo scarsi dal punto di vista fisico e lenti da quello tecnico. Le squadre straniere, invece, hanno un gioco molto veloce. L’Atalanta? E’ durata un’ora, poi ha subito l’aggressività dei francesi, trascinati da due fuoriclasse come Neymar e Mbappè. Secondo me vinceranno il Pallone d’Oro”. Parole dure quelle rilasciate nei confronti delle italiane, in cui si evince l’amarezza dell’ex allenatore friulano. 

LEGGI ANCHE >>>Calciomercato Atalanta: il calciatore annuncia il suo addio

News Inter, Capello: “Lautaro è devastante”

calciomercato inter lautaro martinez (1)

A rappresentare l’Italia, nell’Europa League, è invece l’Inter, impegnata domani nella semifinale contro lo Shakhar Donetsk. A tal proposito Capello mostra tutto il proprio sostegno nei confronti dei nerazzurri: “Gli ucraini giocano molto bene, ma la difesa non è il massimo. Gli uomini di Conte, invece, sono perfetti in entrambe le fasi. In attacco possono contare sull’intesa della coppia formata da Lukaku, decisivo con le sue giocate e Lautaro, che riesce ad essere devastante con la sua forza fisica”.

L’ex allenatore ha poi parlato della scelta di Pirlo come allenatore della Juventus, spiegando che non è rimasto sorpreso: “Sarri non aveva un rapporto con lo spogliatoio, l’eliminazione dalla Champions League è stata decisiva. Pensavo che l’anno prossimo Andrea sarebbe stato promosso in prima squadra. Dopo aver seguito la presentazione come nuovo tecnico dell’Under 23, la mia ipotesi e’ diventata più forte”. 


Continua a leggere