Napoli-Lazio, Gattuso e il litigio in campo: la FIGC apre l’indagine per razzismo

| 03/08/2020 08:30

Napoli-Lazio, l’episodio tra Gattuso e il collaboratore della Lazio: la FIGC apre l’indagine

Non è stato un epilogo felice quello vissuto al San Paolo, per la partita tra Napoli-Lazio. Gennaro Gattuso è uscito furioso dal terreno di gioco, con l’episodio legato a quella frase spiacevole, finito sotto i riflettori. Sì, perché il tecnico partenopeo non ha contenuto la sua ira al triplice fischio, chiedendo proprio al fisioterapista della Lazio, Alex Maggi, di ripetergli quella frase in faccia. Quel “terrone”, utilizzato in maniera dispregiativa, un altro brutto segnale di un razzismo che non va proprio via in Italia. A parlare di questo è il quotidiano Il Mattino, che ha rivelato degli importanti colpi di scena che potrebbero venir fuori su quell’episodio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, Sarri out? Lo sostituirebbe l’ex nel 2021

Napoli-Lazio, non finisce qui il campionato: “Terrone di me**a”, Alex Maggi rischia di non passarla liscia

Alex Maggi, fisioterapista della Lazio, ha già chiesto scusa: “Non mi era mai successo prima d’ora di offendere qualcuno, il mio è stato un comportamento inopportuno”. Chiese scusa anche il collaboratore dell’Atalanta dopo le offese al tifoso napoletano, a sfondo territoriale, ed è lo stesso scenario che la FIGC condanna. Infatti, come per il team manager degli orobici, anche per il laziale è stata aperta un’inchiesta. Comportamenti inaccettabili, che gli organi competenti non hanno più voglia di accettare. L’incidente vissuto in campo, potrebbe terminare così, con una decisione di deferimento e con una sanzione.

(www.gettyimages.it)


Continua a leggere