Premier League, il Bournemouth fa causa. Retrocessione annullata?

| 30/07/2020 18:30

In Premier League scoppia la polemica. Durante la partita tra Sheffield United ed Aston Villa (finita 0-0 con i ‘Villans‘ salvi) la goal-line-technology non avrebbe convalidato un gol buono ai ‘Blades‘.

Il Bournemouth non ci sta. L’Aston Villa trema

La dirigenza del Bournemouth si riunirà alla fine di questa settimana. Motivo dell’incontro? C’è la possibilità di inviare una richiesta di risarcimento danni alla Hawk-Eye, ovvero l’azienda che fornisce la goal-line-technology in Premier League. La squadra dell’allenatore Eddie Howe, lascia il massimo campionato inglese dopo una militanza di cinque anni, ma non è così sicuro che sarà così. Infatti, durante la partita tra Aston Villa (squadra in cui milita l’ex portiere del Napoli, Pepe Reina) e Sheffield United (che si è concluso sullo 0-0), questi ultimi avrebbero trovato la rete del vantaggio con il pallone che ha superato abbondantemente la linea di porta, ma in quel momento il sistema rilevatore ha smesso di funzionare.

(www.gettyimages.it)

Se la partita non si fosse conclusa sul pareggio, a quest’ora l’Aston Villa sarebbe retrocesso in Championship e il Bournemouth si sarebbe salvato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Netflix, la svolta: acquistati i diritti di Champions, Premier League e Ligue 1

Dopo il match non si sono fatte attendere le scuse della Hawk-Eye

La nota azienda inglese si sarebbe poi scusata una volta finito il match. Ecco le parole dei dirigenti: “Sette telecamere che si trovavano intorno all’area della rete sono state oscurate dal portiere, dal difensore e dal marcatore“.


Continua a leggere