Atalanta, insulti al tifoso napoletano: la Procura Federale apre l’inchiesta

| 12/07/2020 08:30

Atalanta, il Team Manager non se la caverà dopo gli insulti al tifoso napoletano: aperta l’inchiesta

Nel corso della giornata di ieri vi abbiamo raccontato del brutto scenario che si è vissuto tra il tesserato dell’Atalanta e il tifoso napoletano, con il video che ha fatto il giro del web. Le immagini raccontano di Mirco Moioli, Team Manager del club bergamasco, che non avrebbe trattenuto la propria ira, sfogando in maniera pessima e di pronta risposta, tutto sul tifoso napoletano che aveva stuzzicato il tecnico Gian Piero Gasperini. L’allenatore dei bergamaschi aveva allontanato a gesti e parole proprio il ragazzo che poi si è allontanato da solo, ma la reazione dell’Atalanta non si è fermata qui. Sì, perché per responsabilità oggettiva c’è l’Atalanta, che a seguito del gesto da parte del suo Team Manager, potrebbe finire nei guai.

Atalanta, ecco cosa rischia il club: la società potrebbe subire le conseguenze dopo gli insulti al tifoso partenopeo

Stando a quel che rivelano i colleghi di Tuttosport, sarebbe aperta un’inchiesta. La Procura della FIGC si sarebbe subito mossa dopo le parole di Mirco Moioli, Team Manager dell’Atalanta che ha offeso pesantemente il tifoso napoletano all’uscita del pullman che avrebbe portato alla sfida contro la Juventus. La Procura federale della Figc avrebbe dunque acquisito i video e potrebbe essere contestata la violazione degli articoli 4 e 28 del Codice di giustizia sportiva: aperto un procedimento nei confronti non solo del dirigente, ma anche dell’Atalanta, per “responsabilità oggettiva”.

(www.gettyimages.it)


Continua a leggere