Torino-Lazio, parola d’ordine: rimonta. Partita “stanca” all’Olimpico

| 30/06/2020 21:30

Torino-Lazio ha aperto la 29esima giornata di Serie A. La gara dell’Olimpico Grande Torino ha preceduto quella di questa sera tra Genoa e Juventus. I biancocelesti di Simone Inzaghi inseguono i bianconeri, a +4 prima dell’inzio del match contro i granata.

Torino-Lazio, la sintesi del match

PRIMO TEMPO – La gara parte subito benissimo per gli uomini di Moreno Longo che dopo 4′ trovano il calcio di rigore per una “parata” di Ciro Immobile in area di rigore dopo gli sviluppi di un calcio d’angolo. Freddissimo Andrea Belotti contro Thomas Strakosha: sblocca il match e si porta a quota 12 reti stagionali. Il Gallo è andato sempre a segno nelle prime tre gare post-Coronavirus. Poi la Lazio prova ad uscire dal guscio e in tante occasioni mette sotto pressione il Torino che riesce a tenere stretto il vantaggio fino al termine del primo tempo. I ragazzi di Inzaghi troverebbero anche il gol del pareggio nella prima metà di gioco ma il gol di Acerbi è annullato per fuorigioco.

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre molto meglio per la Lazio che prende il comando del gioco e cerca il pareggio. E’ sempre Ciro Immobile, poi, a trovare il gol che porta in parità i biancocelesti con un ottimo diagonale che lascia senza scampo Salvatore Sirigu, sull’ennesimo assist stagionale di Luis Alberto. Per Immobile si è trattato del 29esimo gol in Serie A. E’ a sole 7 lunghezze dal record di Gonzalo Higuain. La rete della vittoria è firmata, invece, da capitan Parolo che con un destro, deviato, dal limite dell’area spiazza Sirigu e completa la rimonta (la seconda in due partite) della Lazio.

Torino-Lazio, il tabellino

TORINO (3-4-3): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; Aina, Lukic, Meitè, Ansaldi; Edera, Belotti, Verdi.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic, Parolo, Luis Alberto, Jony; Correa, Immobile.

GOL: Belotti 5′ (rig., T); Immobile 48′ (L), Parolo 73′ (L)

AMMONITI: Verdi (T); Immobile (L), Caicedo (L), Lukaku (L)

ESPULSI:


Continua a leggere