Genoa-Juventus, Sarri in conferenza: “Ecco come sta Higuain. Sostituzioni? Una ca**ata”

| 29/06/2020 16:30

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, presenta la gara di domani sera al Marassi contro il Genoa in conferenza stampa: segui qui la diretta delle parole del tecnico bianconero.

Genoa-Juventus, la diretta della conferenza stampa di Sarri

16.22 – Inizia la conferenza di Sarri

Buffon ha rinnovato, domani può giocare?Non so se sarà il giorno del record, non abbiamo ancora deciso. Ha 48 partite a disposizione e sicuramente scenderà in campo, non so quando. Dipende da quello che mi dirà il preparatore dei portieri“.

Che partita sarà?E’ difficile per tutti come gara. E’ una squadra che ha sempre fatto bene nelle gare casalinghe. Le partite in trasferta, contro le squadre che giocano in trasferta sono difficilissime. I ragazzi sono molto consapevoli delle difficoltà e da qui costruire il nostro gioco. Se ci aspettiamo le cose facile, siam messi male“.

Qualcuno riposa?In questo momento numericamente ci possiamo permettere di alternare 2 o 3 giocatori. Nell’ultima partita avevamo 14 giocatori di campo, 3 portieri e 3 dell’Under23. In questo momento possiamo pensare solo a 1 o 2 cambi. Speriamo di recuperare qualche giocatore e avere più possibilità di scelta“.

Esiste il fattore campo?Un po’ continua ad esserci. E’ vero che devi fare a meno del pubblico ma puoi contare su piccole abitudini che danno certezze ai calciatori“.

Come sta Higuain?Sta meglio, l’unica incertezza è sulla tenuta di un minutaggio più elevato“.

Leggi anche – Calciomercato Juve, Chiesa in arrivo

NOVITÀ – VUOI RESTARE AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI SERIE A? SEGUICI SULLA NOSTRA NUOVISSIMA PAGINA INSTAGRAM

Sarri su Pjanic e l’addio

Difficoltà a gestire Pjanic?Ho risposto già i giorni scorsi. Penso che se questo trasferimento verrà ufficializzato, lui sarà contento perché giocherebbe in un club straordinario, vanterebbe di aver giocato con Juventus e Barcellona. Io sono sereno, lui è intelligente e sereno e 101% in questi due mesi“.

Arthur com’è?C’è poco da commentare. Si sta parlando di due ragazzi che per i prossimi due mesi dovranno giocare nelle rispettive squadre. E’ bene che entrambi si concentrino sul presente. Non voglio star qui a parlare di acquisti e cessioni. Devo giocare partite importanti e se spendo energie mentali e nervose per il mercato la vedo difficile. Anche perché il mercato non mi dà gusto. So che il pubblico, anche per colpa vostra, parla solo di quello ma ritengo che bisognerebbe farli appassionare al campo”.

Quanto è difficile gestire le gare in questo momento?Siamo nella fase in cui si deve trovare la condizione fisica adatta. Non fa male giocare così spesso. Poi è chiaro che passando le giornate si prospetterà il problema di giocatori che entrano in condizione ma poi faticano per i recuperi. E’ difficile parlare di allenamenti, non ne possiamo fare di specifici sui calciatori per capire come stanno. E’ tutto un lavorare di scarico e un lavoro per la partita successiva“.

Cinque sostituzioni?E’ da maneggiare con cura, ci sono gare che si stravolgono. Analizzando la Bundesliga c’è stato un dato che mi ha sorpreso: le squadre di terza fascia le utilizzavano tutte, mentre le altre 3 o al massimo 4. E’ un’esperienza nuova e quindi a rischio cazzata, come tutte le cose nuove. E’ anche un’esperienza stimolante da cui impareremo per gli anni successivi“.

Bentancur?Mi sta sorprendendo sempre più. E’ migliorato in personalità, comincia ad accumulare esperienza e ci può sorprendere ancora in futuro. Ramsey? Sta meglio, l’ultimo ingresso è andato meglio. Era un po’ più frizzante, ma i pochi allenamenti non rendono chiara l’incognita minutaggio. La valutazione sarà delle prossime ore“.

Ronaldo e Dybala ancora insieme?Riposano solo quando Higuain torni al massimo? “In questo momento possono giocare, il problema si potrà mostrare tra due o tre partite. Nel lungo periodo, il recupero di Higuain è indispensabile per far recuperare anche loro“.


Continua a leggere