Coronavirus: è morto Ahmed Radhi, la leggenda del calcio iracheno

| 22/06/2020 10:30

L’emergenza Coronavirus non è finita, anzi. Sono oltre 9 milioni i contagiati nel mondo e oltre 470 mila i morti per Covid 19. Intanto, anche il mondo del calciato è stato colpito. Ennesima vittima da Covid registrata nelle ultime ore nel mondo del pallone. Si tratta di Ahmed Radhi, ex stella del calcio iracheno. Si era ritirato da diversi anni ed era stato ricoverato in Giordania per monitorare la situazione.

Coronavirus: è morto Ahmed Radhi

Ahmed Radhi, ex calciatore e stella del calcio iracheno, è morto nelle ultime ore per cause legate Covid 19. Nulla da fare per l’ex giocatore di calcio che si è spento all’età di 56 anni. Radhi, dopo essere prima stato ricoverato a Baghdad e poi stato trasferito in un ospedale di Amman in Giordania per aver contratto il Coronavirus. Le sue condizioni in un primo momento erano migliorate, ma poi tutto è successo così in fretta ed è morto.

LEGGI ANCHE >>> Final Eight Europa League, rischio annullamento

Coronavirus: l’Iraq dice addio alla sua leggenda Ahmed Radhi

E’ stato Ahmed Radhi,a portare negli ultimi anni in alto il nome dell’Iraq nel mondo del calcio. In particolare nel Mondiale del 1986, dove mise a segno quel che resta l’unico gol dell’Iraq ad un Mondiale (contro il Belgio). Non è solo per questo però che in Iraq è sempre stato una leggenda. Tanti i gol con le squadre di club e con la maglia della Nazionale, oltre alla vittoria della Coppe del Golfo del 1984 e del 1988.


Continua a leggere