Juventus, Cristiano Ronaldo è meno letale: Sarri gli cambia ruolo

| 16/06/2020 08:30

Juventus Sarri Cristiano Ronaldo | La semifinale di venerdì scorso contro il Milan ha lasciato strascichi e dubbi per Maurizio Sarri e la sua Juventus. Il gol non è arrivato contro una squadra in 10 per tutta la partita che si è difesa strenuamente. Cristiano Ronaldo non è parso lo stesso di sempre e ha anche sbagliato il secondo rigore nella sua esperienza italiana. Mercoledì, a Roma, la Juve affronterà il Napoli per la finale e Maurizio Sarri intende trovare soluzioni per portare a casa il suo primo trofeo italiano.

CALCIOMERCATO JUVENTUS CHELSEA CRISTIANO

(www.gettyimages.it)

Juventus, Sarri chiede uno sforzo a Cristiano Ronaldo

La Juventus non è parsa cinica e spietata, venerdì sera e ha rischiato di insinuare dei dubbi sulla reale potenza di squadra che ha mostrato nei mesi scorsi. Maurizio Sarri, negli ultimi giorni alla Continassa, ha provato a ristabilire il potere bianconero, partendo dal presupposto di trovare una punta che dia importanza alle sue impostazioni. Non ha a disposizione Gonzalo Higuain, tornato fuori forma dalla quarantena in Argentina, e stando a quanto riferisce Repubblica, il tecnico bianconero ha chiesto uno sforzo a Cristiano Ronaldo. Vorrebbe farlo tornare il primo CR9 dei tempi di Madrid ma non è mai riuscito a trasformarlo nel Mertens o nell’Higuain dei tempi di Napoli.

Leggi anche – Napoli, crisi Lozano: Gattuso lo caccia dall’allenamento

serie a

(www.gettyimages.it)

Juve, senza una punta di riferimento Ronaldo è meno letale

Cristiano Ronaldo è ancora letale ma non più come quello di Madrid. Al Bernabeu ruggiva grazie ad un attaccante di raccordo come Benzema, un esterno come Bale, capace di distogliere l’attenzione dalle sue giocate e un assistman come Isco, bravo a trovare tempi e spazi giusti per servire il campione portoghese. Nella Juventus mancano queste figure: con Dybala sembrano quasi intralciarsi e Douglas Costa non è ancora esplosivo come sa essere. Così Maurizio Sarri chiede a Ronaldo, almeno per la finale, uno sforzo particolare di adattamento a centravanti puro per abbattere il muro che ergerà il Napoli.


Continua a leggere