Coronavirus Lombardia, Conte sarà interrogato dalla Procura: c’entrano le zone rosse

| 10/06/2020 14:30

Coronavirus Bergamo Conte | Il Coronavirus continua ad essere un avversario silenzioso per l’Italia che pian piano sta cercando di sconfiggerlo. Intanto non mancano problemi alle figure ai vertici del nostro Paese per quanto riguarda le scelte prese qualche mese fa.

conte coronavirus italia

(getty image)

Coronavirus, la Procura di Bergamo interroga Conte

Stando a quanto si legge su corriere.it, la Procura di Bergamo interrogherà come persone informate dei fatti il premier Giuseppe Conte, la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese e il ministro della Salute Roberto Speranza sulla mancata zona rossa di Alzano e Nembro. I magistrati hanno deciso di proseguire con l’iter iniziato lo scorso 7 marzo. Avevano già sentito il Governatore della Lombardia, Attilio Fontana, e l’assessore Giulio Gallera in merito alla mancata chiusura, come zone rosse delle due cittadine lombarde.

Leggi anche – Coronavirus, Fase 3: ok alla riprese di discoteche, cinema e teatri

conte europa turismo

Conte risponde a Rota: “Le Regioni possono farlo in autonomia”

La procuratrice Maria Cristina Rota aveva esplicitamente parlato di manovre governative. “Noi vogliamo lavorare serenamente, abbiamo bisogno di pace. Da quanto ci risulta è una volontà del Governo. C’è un dovere da parte nostra di rendere giustizia, in questo momento siamo al primo gradino e vogliamo ricostruire tutti i fatti“.

Giuseppe Conte aveva, poi, risposto a tono attraverso una nota in cui sosteneva che le Regioni avrebbero potuto agire direttamente, come già precedentemente avvenuto.


Continua a leggere