Bundesliga, l’omaggio a George Floyd non sarà sanzionato

| 03/06/2020 21:15

Dopo l’omicidio di George Floyd da parte di un agente della polizia di Minneapolis, ci sono state molte manifestazioni anti-razzimo in Bundesliga: i gesti dei vari Thuram e McKennie avevano fatto così scalpore, da portare la Federazione a delle indagini in merito.

Hakimi, Thuram e Sancho sono salvi: anche la Bundesliga è anti-razzista

Poteva costare caro il gesto, condiviso da molti campioni nel campionato tedesco, di supporto al movimento anti-razzista. Sarebbe costato ancor più caro alla Germania però, andare avanti in una rappresaglia che avrebbe stonato coi valori della tolleranza, in un paese ormai fortemente multi-etnico.

Per fortuna, così non è stato, ed oggi la Bundesliga ha stabilito che Marcus Thuram del Borussia Moenchengladbach, Jadon Sancho, Achraf Hakimi del Dortmund e Weston McKennie dello Schalke 04 hanno avuto ragione nel protestare. A prendere la decisone è stato il comitato di controllo della federcalcio tedesca, anche su richiesta della Fifa, ha deciso di non procedere contro i giocatori e che non lo farà nemmeno contro coloro che vorranno emularli in futuro.

Il comunicato della Bundesliga

Questa la nota attraverso la quale è stata spiegata la scelta: “Il comitato di controllo # DFB non avvierà procedimenti contro Hakimi, Sancho, McKennie e Thuram. Il comitato intende inoltre mantenere questa linea nelle nuove campagne anti-razzismo per ricordare la sua morte di George Floyd nelle prossime giornate.


Continua a leggere