Lazio, Strakosha: “Sto meglio. Ora iniziamo a lavorare per lo Scudetto”

| 21/05/2020 13:45

Lazio Strakosha Scudetto Infortunio | La Serie A è pronto a tornare in campo. A giugno si potrà ricominciare (in attesa della data ufficiale) e si completerà ad agosto. La Lazio ha un unico obiettivo: lottare con la Juventus fino alla fine e vincere lo Scudetto. Ne ha parlato anche Thomas Strakosha, portiere biancoceleste ai microfoni della radio ufficiale della Lazio.

lazio strakosha

Lazio, Strakosha: “Sto meglio, puntiamo lo Scudetto”

“Ho un piccolo problema, ma sto tornando. La situazione rispetto a 3 settimane fa è migliorata, ora aspettiamo che riparta il campionato per fare ciò che a tutti noi piace. Non abbiamo staccato mentalmente, il nostro amore è il calcio. Non se ne va via dalla testa, viviamo per questo”.

Strakosha, poi, ha parlato degli obiettivi biancocelesti: Champions League e Scudetto.

“Nessuno si aspettava che avremmo potuto lottare per lo scudetto, ad inizio anno neanche noi credevamo di poter lottare per il primo posto. Ad oggi il nostro obiettivo resta la qualificazione in Champions League. Ora siamo al secondo posto anche se sarà difficile tornare in campo. Il problema sarà anche il caldo, giocare a giugno e luglio e non è mai accaduto. L’importante per noi è la salute. Sarà importante il lavoro dello staff, che dovrà gestire la rosa visto che giocheremo ogni 3 giorni”.

Leggi anche – Calciomercato Lazio, sfuma Dzyuba: rinnova con lo Zenit

lazio strakosha

Strakosha: “Siamo forti in difesa ma teniamo la guardia alta”

La Lazio ha svolto un lavoro importantissimo soprattutto in fase difensiva, confermandosi il miglior reparto arretrato della Serie A.

“E’ motivo di orgoglio ma il campionato non è ancora finito, dobbiamo tenere duro fino alla fine. Ma non è solo merito della difesa: dobbiamo dire grazie anche ai centrocampisti e agli attaccanti. Curiamo ogni aspetto in allenamento, le partite poi ti fanno veramente migliorare. Essere il portiere titolare di questa squadra a vent’anni è fantastico, non me lo aspettavo, è un privilegio che non capita a tutti: ho lavorato forte per questo”.

Ripartenze da dietro?So di essere uno dei calciatori che fa più lanci lunghi di tutti ma non sono molto interessato ai dati. In squadra abbiamo un calciatore come Milinkovic che è straordinario: dare la palla a lui è come metterla in banca (ride, ndr.). Abbiamo iniziato a provare la costruzione dal basso fin dai primi giorni con mister Inzaghi ma i frutti si vedono sempre sul lungo tragitto. Ci siamo presi i nostri rischi, perché si rischia di più con questo tipo di costruzione ma il nostro pubblico si diverte con questo schema di gioco“.


Continua a leggere