Coronavirus Italia, Conte: “Non è tempo di party e assembramenti. Dal 25 test sierologici volontari”

| 21/05/2020 11:00

Coronavirus Italia Conte | La Fase 2 è entrata nel vivo e l’Italia si appresta a ripartire più velocemente possibile, seppur con ingenti danni economici e non poche difficoltà. Il Premier Giuseppe Conte ha tenuto un discorso alla Camera in cui ha toccato temi quali assembramenti, lockdown e test sierologici volontari.

conte europa turismo

Coronavirus, Conte: “Non è tempo di party. Lockdown era obbligatorio”

“In questa fase è fondamentale il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine. Non è il tempo di party, assembramenti e della movida. Abbiamo calcolato un aumento della curva di contagio altrimenti non saremmo stati in grado di ripartire senza prima avere il vaccino”.

Lockdown?Forse non tutti avrebbero assunto decisioni così sofferte che potevano incidere sui diritti fondamentali dei nostri cittadini. Dopo tre mesi dal primo caso accertato di Covid, però, posso affermare che abbiamo fatto bene. Non possiamo permettere di protrarre le misure restrittive per un tempo indefinito, non si possono contrarre diritti se non per un tempo limitato e in presenza di una minaccia grave. Prolungarle oltre il tempo necessario sarebbe irragionevole e incompatibile con i principi della nostra Costituzione“.

Leggi anche – Coronavirus, dal 3 giugno spostamenti tra Regioni

conte coronavirus italia

Conte: “Dal 25 test sierologici volontari”

Giuseppe Conte, poi, ha fatto il punto della situazione sui test sierologici per gli italiani che saranno disponibili volontariamente per i cittadini.

“Dal 25 maggio saranno possibili test sierologici volontari svolti su campione. Ma il pilastro della Fase 2 sarà l’app immuni. Abbiamo introdotto una disciplina per realizzare la app nel pieno rispetto della privacy e della sicurezza nazionale. Nei prossimi giorni partirà la sperimentazione su questa nuova applicazione, i dati verranno usati solo per la tracciabilità del virus.

Sostegni economici?Assicurermo sostegno a chi non ha percepito sussidi. Ci sarà un reddito di emergenza, dai 400 a 800 euro, a seconda del nucleo familiare“.


Continua a leggere