Coronavirus Italia, Azzolina: “Esami in classe in piena sicurezza. Rientro in classe a settembre”

| 16/05/2020 16:00

Coronavirus Italia Azzolina Esami Scuola | Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha parlato in conferenza stampa del delicato tema degli esami di stato e del rientro a scuola. Ha rassicurato studenti e professori sulla sicurezza per la maturità che si svolgerà in classe e non da remoto come era stato immaginato qualche mese fa.

coronavirus italia

Coronavirus Italia, Azzolina: “Esami in sicurezza in classe”

Lucia Azzolina ha spiegato che gli esami di stato saranno effettuati in classe in tutta sicurezza, senza l’obbligo delle mascherine se non ci sono criticità.

“Come governo abbiamo ritenuto opportuno prendere questa decisione che va vista a 360 gradi. Gli esami saranno in presenza perché sono un momento importantissimo che mai mi sarei sentita di togliere ai nostri studenti, a maggior ragione in un momento in cui l’Italia sta ripartendo”.

Scuole chiuse?Tenere chiuse le scuole è stata una sofferta scelta politica, ma non fatta al buio. Tenere le scuole chiuse ha permesso salvare vite umane e questo non ha prezzo“.

Leggi anche – Coronavirus Italia, tutte le regole per la Fase 2

coronavirus azzolina lezioni

Esami di stato: svolgimento e valutazione

“Sono assolutamente certa che avremo tutti i presidenti di commissione al loro posto per fare gli esami di Stato. Se si rispettano il distanziamento e le norme igieniche, compatibilmente con l’andamento del contagio, l’esame potrà essere svolto in piena sicurezza. Nel protocollo c’è soprattutto la garanzia per la salute. ll candidato potrà togliere la mascherina purché sia seduto e alla giusta distanza dalla commissione”.

Valutazione?Il nostro obiettivo è quello di non lasciare indietro nessuno in un momento così delicato. Ripartiremo a settembre con una valutazione seria: le insufficienze saranno riportate nei documenti di valutazione, ma gli studenti hanno diritto di recuperare perché abbiamo attraversato una tempesta. Se ci sono mancanze gravi, si potrà bocciare, altrimenti si promuove con riserva per il prossimo anno“.


Continua a leggere