Coronavirus, Castellacci: “Non si gioca, una cosa è inaccettabile”

| 14/05/2020 23:30

Coronavirus, Castellacci: “Non si gioca, una cosa è inaccettabile”

Ultime Coronavirus | Enrico Castellacci, dottore e presidente dell’Associazione Italiana Medici del Calcio, ha parlato nel corso di un’intervista concessa a Primocanale.castellacci

Le parole di Castellacci

“Sapete come il ministro Spadafora abbia parlato di alcuni punti focali: tamponi, quarantena e responsabilità del medico sociale. Sui tamponi siamo d’accordo, sulla quarantena ha deciso il Governo. Ciò che non è accettabile è che il medico sociale sia l’unico responsabile se si verificasse un contagio. E’ assurdo e paradossale. La prima stranezza è che quando è stata fatta la richiesta dal Ministero alla FIGC non c’è stata una riunione della Commissione. Assunzione responsabile e condivisa del rischio: possiamo accettare il rischio, ma deve essere condiviso con il club ed i calciatori.

Ci sono delle questioni di tipo giuridico, ho messo in preallarme il team giuridico dell’associazione. Chiediamo che tutto sia chiaro. Non è possibile che si possa dare al medico, che tra l’altro non ha neanche assicurazioni, una responsabilità del genere.

Ho ricevuto specialmente dai medici della Serie B, nei due terzi, lettere di dimissione se questo dovesse concretizzarsi. Si tratta di comprendere che il medico si prende tutte le responsabilità del caso ma non al di là dei suoi poteri. Quando si apriranno le partite, ci saranno le trasferte, si andrà negli alberghi, potrebbero esserci casi”.serie a


Continua a leggere