Calciomercato Fiorentina, l’agente di Castrovilli: “Ha un contratto con i viola, c’è il rischio di club esteri”

| 14/05/2020 11:30

Calciomercato Fiorentina Castrovilli | Due anni alla Cremonese, poi il salto alla Fiorentina di Montella e l’immediata esplosione in Serie A. Gaetano Castrovilli è uno dei volti più interessanti del nostro campionato e per il futuro ha già molti club, italiani ed esteri, pronti  a trattare con la Fiorentina.

calciomercato juventus castrovilli

Calciomercato Fiorentina, l’agente di Castrovilli: “Ha un contratto per altri 4 anni”

Napoli, Inter e Juventus sono già pronte a mettere sul piatto offerte super per il cartellino di Castrovilli ma la Fiorentina non sembra intenzionata a sedersi al tavolo delle trattative. Il Presidente Commisso ha già confermato più volte la volontà di trattenere Castrovilli anche per il futuro. L’agente del centrocampista, Michelangelo Minieri, ai microfoni di Tuttosport ha parlato del contratto in essere con i viola.

“Lo seguo dai tempi del biennio alla Cremonese e quindi conosco benissimo tutte le sue qualità. E’ arrivato in Serie A con tanta personalità e si è calato alla perfezione in questa realtà diversa. Ha ricevuto tanti attestati di stima che fanno sempre piacere ma ha reagito con molta umiltà. Il suo obiettivo principale è la convocazione in Nazionale per il prossimo Europeo. Futuro? Ha un contratto con la Fiorentina fino al 2024″.

calciomercato fiorentina castrovilli

L’agente di Castrovilli: “C’è il rischio che vada all’estero”

Minieri, poi, ha parlato della situazione calciomercato che inevitabilmente cambierà a partire dalla prossima finestra e del rischio di vedere Castrovilli in campionati esteri.

“Sono d’accordo con Paratici quando dice che vivremo una situazione inedita. Il prossimo calciomercato sarà fatto più da idee che da soldi. La spunterà chi avrà le intuizioni migliori. Il rischio che dall’estero si muovano concretamente c’è sempre, perché un giocatore di prima fascia attira inevitabilmente le attenzioni delle società più importanti. Ma ciò accadde sia con il Coronavirus che nelle situazioni normali”.


Continua a leggere