Milan, Scaroni: “La Serie A deve riprendere. San Siro? Obsoleto per il calcio moderno”

| 08/05/2020 16:00

Milan Scaroni Serie A | Nelle prossime settimane ci potrebbe essere la svolta definitiva per la ripartenza della Serie A. Paolo Scaroni, Presidente del Milan, è da sempre schierato tra i Presidenti che vogliono completare la stagione per evitare danni futuri. In videoconferenza con il portale di diritto sportivo Olympialex, il presidente rossonero ha parlato della ripresa e degli obiettivi.

coronavirus milan scaroni

Milan, Scaroni: “Serie A riparta. Gazidis fondamentale per noi”

“Ivan Gazidis è un uomo fondamentale per la società. Con noi ha tre progetti importanti: la creazione di una squadra giovane che possa iniziare a lavorare in modo innovativo con un gioco fluido e divertente come succede in Premier League o con il progetto Ajax. Il secondo punto riguarda San Siro. E’ un grande stadio, ha scritto la storia ma ormai è obsoleto per il calcio. Il terzo sono gli sponsor: per il Milan sono fondamentali, se non si vince non ne arrivano di importanti”.

Serie A?Sono sempre stato per la ripresa. La mia posizione è molto chiara è l’ho anche espressa in Lega: per me la stagione deve finire. Arrivare fino in fondo è possibile ed è meglio seguire questa scia. La decisione finale spetta al Governo“.

Leggi anche – Pordenone, l’intervista esclusiva al Presidente Lovisa

Scaroni: “Commessi alcuni errori, Giampaolo scelta sbagliata”

Il Presidente rossonero, poi, ha passato in rassegna la stagione fino a questo momento e parlato del brand Milan nel mondo.

“Credo siamo la squadra più giovane della Serie A. Purtroppo ad inizio anno sono stati commessi errori importanti. La scelta di Giampaolo non è stata fortunata. Abbiamo fatto alcuni errori, abbiamo cambiato allenatore a inizio stagione ma gli errori ora sono dietro di noi. Voglio riportare il Milan dove merita”.

Brand?Il nostro è globale. Siamo tra le cinque squadre più seguite al mondo. Dobbiamo fare bene sul lato sportivo, ma la vera sfida è conquistare i nuovi tifosi in luoghi come Cina, Indonesia e Pakistan”.


Continua a leggere