Coronavirus Italia, Conte: “A maggio al via l’app e 150.000 test sierologici per limitare il contagio”

| 30/04/2020 11:30

Coronavirus Italia Conte App Test | Giuseppe Conte, in Parlamento, ha parlato delle norme che entreranno in vigore dalla prossima settimana per continuare ad affrontare il problema Coronavirus. Ha parlato, tra i vari argomenti, anche dell’app immuni e di nuovi test sierologici a campioni per bloccare il virus.

coronavirus conte 4 maggio

Coronavirus Italia, Conte: “Ecco come funzionerà l’app immuni”

“La graduale riapertura delle attività produttive comporta uno sguardo fisso sulla curva epidemiologica. Oggi vi do notizia che il Governo ha adottato un decreto legge che contiene le misure di tracciamento per monitoraggio del virus. Si prevede che il titolare del trattamento dei dati personali sia il Ministro della Salute. La piattaforma dovrà operare nel nostro territorio nazionale. L’app non raccoglierà alcun dato di geolocalizzazione degli utenti e utilizzerà codici che non permetterà di registrare i cittadini“.

Leggi anche – Conte lancia l’allarme: “Non assicuriamo il ritorno alla normalità”

conte 4 maggio

Conte: “Al via test sierologici per contenere il virus”

“Nel mese di maggio procederemo ad effettuare 150.000 test sierologici. Verrà selezionato un campione di cittadini dall’ISTAT che ci permetterà di avere un quadro più chiaro del virus. Dovremo essere pronti, se e laddove necessario, a bloccare i contagi nelle aree che ne mostreranno il bisogno. Solo così potremmo iniziare ad avviare una nuova ripresa, di Regione in Regione. Sarà un test di fondamentale importanza per accertare la solidità del sistema. Tra due settimane potremo procedere, senza azzardi, alla ripresa delle attività. Dal 4 maggio si potrà fare attività sportiva e motoria, si potrà andare a trovare parenti e si tornerà a lavoro. Gli atleti potranno tornare ad allenarsi a porte chiuse. Le misure saranno allentate ancora di più qualora il contagio dovesse diminuire ancora di più e apriremo alla vendita al dettaglio, ai ristoranti, sempre tenendo in considerazione le norme di sicurezza vigenti”.


Continua a leggere