Coronavirus, ennesimo attacco di Feltri ai meridionali: “Al Sud non leggono”

| 27/04/2020 12:00

Coronavirus Italia, Feltri schock: ancora attaccati i Meridionali

Coronavirus Italia Feltri Meridionali | L’emergenza Coronavirus ha unito l’Italia come mai negli ultimi anni. Sud e Nord insieme nella lotta al Coronavirus Covid 19 che sta mettendo in ginocchio il mondo intero. Intanto, non sono mancati i soliti attacchi dal Nord verso il Sud, come in particolare nel caso di Vittorio Feltri. Il direttore e giornalista di Libero, è stato preso di mira nei giorni scorsi per aver fatto dichiarazioni choc verso i meridionali. Queste alcune delle tante degli ultimi giorni:

“Io credo che nessuno di noi abbia voglia di trasferirsi in Campania. Perché dovremmo andarci? A fare i posteggiatori abusivi? Mentre loro vengono da noi a farsi curare. Io non credo ai complessi di inferiorità. Penso, invece, i meridionali in molti casi siano inferiori dei settentrionali”.

Parole che hanno lasciato tutti senza parole, intanto, nelle ultime ore sono arrivate nuove parole contro il Sud Italia.

feltri

COVID-19: le parole di Vittorio Feltri contro il Sud Italia

In merito alle ultime dichiarazioni di Vittorio Feltri, il Sud Italia si è unito. Presa la decisione di non vendere più nelle edicole il quotidiano Libero. Non appena ha saputo della notizia, il direttore Feltri ha poi commentato a “Non è l’Arena” in onda su La 7:

“Non vendono Libero al Sud anche prima. Si è sempre venduto poco lì. Al Sud non leggono molto i giornali del Nord, ma in realtà nemmeno quelli del Sud. La lettura non è la principale attività al Sud Italia”.


Continua a leggere