Coronavirus Italia, Conte alle Regioni: “Fase 2 non significa liberi tutti”

| 23/04/2020 12:00

Coronavirus Italia Conte Regioni | L’Italia cerca di capire come e quando ripartire in sicurezza. La Fase 2 è ormai quasi in atto ma il Governo vuole fare di tutto per non cadere nel tranello della superficialità e rischiare una ricaduta che sarebbe gravissima. Il Premier Conte, dunque, ha ribadito alle Regioni le linee guida da seguire per la ripartenza.

coronavirus conte

Coronavirus Italia, Conte: “Ripartenza non significa ‘tutti liberi'”

In un incontro con le Regioni e gli enti locali, Giuseppe Conte è stato molto chiaro con tutti. Ha ribadito che l’inizio della Fase 2 deve essere coadiuvato ad una lenta ripresa della normalità.

“La revisione delle misure di distanziamento sociale non significa un liberi tutti, ma non possiamo chiudere i cittadini in casa per sempre. Bisogna ripartire tenendo sotto controllo la curva del contagio. Il costante aggiornamento delle informazioni dai territori sarà fondamentale per gestire in condizioni di massima precauzione la Fase 2”.

coronavirus italia

Coronavirus, Fase 2: mascherina, guanti e app immuni

L’Italia che avanza verso la Fase 2 dovrà certamente tenere conto di tutte le precauzioni necessarie per non cadere in nuovi contagi. Sarà obbligatorio l’uso di mascherine e guanti quando si uscirà di casa, così come il distanziamento di sicurezza. Anche nei negozi che riaprono dovrà essere garantita la massima sicurezza. Intanto il Governo è in procinto di lanciare l’app immuni: non sarà obbligatoria ma è consigliato scaricarla per garantire la sicurezza per tutto il popolo italiano.


Continua a leggere