Lazio, Acerbi: “Torniamo a giocare, vogliamo provare a vincere lo Scudetto”

| 15/04/2020 15:00

Lazio Acerbi Serie A Coronavirus | La situazione sanitaria in Italia non lascia ben presagire in vista della ripresa di una vita normale. I numeri sono in leggero calo ma la gran partge dei settori sono ancora in fase di stallo, in attesa del via libera del Governo. Anche il calcio è fermo e cerca risposte che, però, non possono arrivare prima del 3 maggio. Le varie società sono divise: c’è chi chiede una ripresa immediata e chi vorrebbe sospendere tutto. Tra le prime c’è sicuramente la Lazio di Claudio Lotito che vuole provare a vincere lo Scudetto.

coronavirus lazio acerbi

Lazio, Acerbi: “Serie A riprenda se c’è uno spiraglio, vogliamo vincere”

Francesco Acerbi, difensore centrale della Lazio, ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni della radio ufficiale del club.

“Mi manca fare quello che amo, come a tutti: mi manca il lavoro ma anche cose banali come un caffè al bar. Noi vorremo riprendere a giocare, saremo i primi a scendere in campo quando ci dicono che sarà possibile. Sento sempre gli amici e soprattutto la mia famiglia che sono in Lombardia e per fortuna stanno bene”.

Ripresa?Il calcio è importante, è una passione di tutto il mondo e muove un sacco di soldi. Se c’è un piccolo spiraglio è giusto che si torni a giocare, anche per noi che siamo secondi e vogliamo provare a vincere lo scudetto“.

Inzaghi?Ci sentiamo spesso con lui e tutto il gruppo per organizzare il lavoro e di quello cha sta succedendo“.

Tornare in campo senza pubblico?E’ un’immagine orrenda. Senza le persone sarebbe come il ping pong, è nullo. Sarà difficile ripartire così“.

Acerbi italia

Acerbi: “Voglio essere pronto per l’Europeo”

Il difensore della Lazio, poi, è stato interrogato anche sullo spostamento degli Europei per la prossima stagione.

“Per una volta che potevo andare (ride, ndr). Lo prendo come un segno del destino, magari vuol dire qualcosa. Ci riproverò comunque anche l’anno prossimo, cercherò di restare in forma per essere convocato”.

I tuoi compagni sono migliorati in fase difensiva? “Sì, tanto. Tutti gli attaccanti iniziano il pressing e corrono all’indietro. e tutti fanno così, è normale che subisci meno gol. Noi siamo una squadra offensiva, stiamo più alti rispetto all’anno scorso. Abbiamo ben inteso quando attaccare e quando correre all’indietro”.


Continua a leggere