Coronavirus, test sierologici sugli umani: l’Italia si prepara alla fase 2

Coronavirus, test sierologici: studi scientifici approfonditi per trovare la soluzione all’epidemia

Coronavirus – Test sierologici sugli umani | Per l’Italia prende il via la fase 2, all’interno della quale toccherà fare un ulteriore sforzo per venir fuori dall’emergenza. Ne ha parlato il premier, Giuseppe Conte, nella serata di ieri, parlando nuovamente ai cittadini in conferenza stampa. La situazione, in questo 2020, si è infittita per il nostro Paese e, i diversi studi, stanno cercando di capire come procedere da qui in avanti. Diverse regioni d’Italia sono già a lavoro sui possibili test sierologici a cui dovrà essere disposto il paziente medio italiano. Sì, perché l’idea sarebbe quella di effettuare dei veri e proprio test sugli umani, per trovare attraverso gli anticorpi di chi debella il virus, la soluzione al problema.

Italia, Coronavirus: attraverso studi approfonditi, c’è il via per i test sierologici da effettuare sui pazienti italiani

coronavirus milano

A partire da maggio, cominceranno delle vere e proprie inchieste da parte del comitato scientifico del Ministero della Salute. Dovrà passare per la validità, verranno adottati solo i test sierologici che saranno considerati affidabili e soprattutto rapidi. Al momento, i numeri possibili dei test da effettuare portano ad oltre 100mila, che verranno presi in considerazione per arrivare alla soluzione per sconfiggere il Coronavirus. Il professore Franco Locatelli, si sbilancia: “Vogliamo essere pronti a stretto giro. Tra qualche settimana, vogliamo concretizzare il tutto”.