Benevento, Vigorito: “La riduzione stipendi non può essere equa per tutti”

| 04/04/2020 18:30

In periodo di quarantena, molti presidenti, allenatori e calciatori hanno detto la loro sulla ripresa dei campionati e Vigorito, presidente del Benevento, ha detto la sua sulla riduzione degli stipendi

Vigorito: “Riduzione stipendi? Ok, ma non dev’essere uguale per tutti”

Oreste Vigorito è il presidente del Benevento dal 2006: in questi anni, è riuscito ad arrivare alla storica promozione prima in B e immediatamente dopo in serie A. La società giallorossa sta dominando il campionato cadetto quest’anno e ha 20 punti di vantaggio sulla seconda.

Vigorito ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24, esprimendo la sua opinione sugli stipendi: “Non si può decidere un egual riduzione degli stipendi per tutti i calciatori. Ci sono atleti giovani, quelli a fine carriera e quelli che hanno un valore di mercato. Penso che sia meglio concordare il taglio della paga con loro e i procuratori. Ad uno che guadagna tremila euro al mese non si può togliere mezzo stipendio.

Il presidente del club campano ha ricordato: “Il calcio è un’industria. E’ un fenomeno economico, sociale e finanziario. Le aziende che sostengono il calcio avranno una lenta ripresa dopo questa pausa e faranno i conti con la crisi“.

L’assemblea della Lega B per trovare un accordo comune

Il numero uno dei sanniti ha annunciato che ci sarà un’assemblea tra le società di Serie B: “Lunedì la Lega si riunisce e ne verrà fuori una direttiva generale dalla quale ogni società farà il suo lavoro. Spero che riusciamo a trovare tutti un accordo“.

Vigorito non si è tirato indietro quando ha parlato della grande stagione che sta vivendo la sua squadra: “La voglia del pubblico di tornare in A, la sete di vittoria di Inzaghi e la nostra voglia di darci una veste nuova, hanno creato una giusta miscela. Un prodotto buono da bere per noi, amaro per gli avversari

benevento vigorito


Continua a leggere