UEFA, Uva: “Impossibile eliminare il Fair Play Finanziario ma lo adeguiamo ai tempi”

| 03/04/2020 13:30

UEFA, Uva sul Fair Play Finanziario | La crisi del Coronavirus ha comportato e comporterà tanti cambiamenti alle casse societarie dei club. Il taglio degli stipendi per un risparmio e la salvaguardia è già sui tavoli di ogni Lega europea e su quelle UEFA e FIFA. Ma potrebbe non bastare. Alcuni club stanno iniziando a chiedere aiuti governativi e vari sovvenzionamenti.

uva-uefa

UEFA, Uva: “Non elimineremo il Fair Play Finanziario”

Michele Uva, vicepresidente UEFA, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport, in cui ha affrontato anche il tema relativo alla situazione economica dei club e della richiesta velata di modificare il Fair Play Finanziario.

“Il Fair Play Finanziario è uno strumento utilissimo per noi. Ha portato il sistema da una perdita di 1,7 miliardi a un utile di 141 milioni in 8 anni. Non sarà cancellato ma sicuramente terremo conto delle problematiche create dal coronavirus e organizzeremo nuove norme. Il pareggio di bilancio e il pagamento dei debiti scaduti restano invece in vigore”.

uva

Notizie UEFA, Uva sul ritorno in campo

Il vicepresidente UEFA ha parlato anche della ripresa dei campionati e degli allenamenti.

“Giocare prima i campionati e poi le coppe in estate non è la nostra prima opzione. Non è necessario che tutti i campionati ripartano allo stesso momento, dato che alcuni hanno più partite da concludere. Per quanto riguarda gli allenamenti, la ripresa deve essere graduale e decisa dalle leghe singolarmente. Leghe e federazioni vogliono riprendere a giocare. Il 30 giugno segna la fine della stagione, quindi la chiusura dei bilanci e dei contratti dei giocatori. Per prolungarli, servirebbero rispettivamente un decreto legge e una disposizione FIFA. L’Uefa è formata da 55 federazioni, ha molte diversità sportive e sanitarie. Ogni nazione ha approcci diversi rispetto al virus, quindi siamo soddisfatti di aver trovato una strada condivisa con 55 Federazioni”.


Continua a leggere