Uefa, Ceferin minaccia: “Chi si ferma rischia la qualificazione a Champions ed Europa League”

| 03/04/2020 19:30

Dopo l’esempio del Belgio, dove il massimo campionato di calcio si è fermato definitivamente, assegnando anche il titolo, sono arrivate le parole del presidente dell’Uefa, che invitano le altre leghe a regolarsi diversamente, previa l’esclusione dalle prossime edizioni delle coppe europee.

L’Uefa a favore della ripresa dei campionati

D’altronde se l’Europeo è stato posticipato, le competizioni per club interrotte, un motivo doveva pur esserci. L’interesse a che i campionati nazionali abbiano una conclusione in campo è anche dell’Uefa, come chiarito dal suo presidente. “Non penso che quella del Belgio sia la scelta corretta“, ha dichiarato, “perché la solidarietà non è una strada a senso unico. Chi chiede aiuto poi non può andare per la sua strada. Chi interrompe oggi i campionati, rischia delle sanzioni“. La qualificazione alle coppe europee, per l’appunto.

ceferin presidente uefa

Il numero 1 dell’Uefa aggiunge che è meglio giocare a porte chiuse, che non giocare proprio: “A questo sport servono i tifosi certo, ma alla gente serve speranza e con il calcio in tv si può fare. Nel caso, possiamo giocare anche a luglio o agosto, di certo la prossima stagione non può cominciare a settembre”. Un messaggio questo, che va dritto dritto a chi sta decidendo le sorti della Serie A, anche questa a rischio interruzione definitiva.

La risposta del Belgio

Intanto, non si è fatta attendere la risposta da parte della Federazione belga, sintetizzabile con una richiesta di un approccio più morbido, che eviti l’esclusione dalle coppe europee, vista l’emergenza sanitaria nel paese. Una materia, sottolinea la federazione, regolata dalle pubbliche autorità che non può subire minacce.

serie a


Continua a leggere