Coronavirus, Castellacci: “Test aggiuntivi per chi è già stato positivo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:00

Castellacci, una figura storica del mondo del calcio azzurro, ha commentato la situazione d’emergenza sanitaria che sta colpendo il mondo, in particolare soffermandosi sul mondo del pallone.

Castellucci e l’emergenza Coronavirus: “Più test ai calciatori positivi”

Enrico Castellacci, l’ex medico della Nazionale italiana con il quale è stato Campione del mondo nel 2006, ha parlato ai microfoni di Tuttomercatoweb Radio riguardo all’idea sulla ripresa dei campionati: “Nessuno potrà sapere quando sarà debellato il virus. Noi ci dobbiamo affidare ai medici, ma sia Malagò sia Gravina, devono cercare di dare scadenze per riprogrammare la stagione“. Enrico ha proseguito sul rientro dei calciatori già positivi: “Per loro bisognerà fare più test per capire le condizioni sanitarie dell’atleta. Io, da Presidente dei medici sportivi italiani, ho mandato diverse missive per far ripetere i test a chi è risultato positivo al Covid-19. Il vero problema, però, sono gli asintomatici perché ne sono tanti e non sappiamo chi siano“.

Castellacci: “Preoccupazione per il ritorno del Coronavirus in Cina”

Castellacci è costantemente in contatto con Fabio Cannavaro che si trova in Cina: “C’è preoccupazione per il ritorno del Coronavirus, perché non è facile debellarlo, e non lo sarà neanche nei prossimi mesi”. Infine, Enrico conferma che i medici delle società sono i singoli responsabili degli atleti: “Loro sanno, in quanto medici, come tutelare la salute dei calciatori. I club non possono decidere senza tener conto del parere dei medici, poiché la priorità resta la salute”.

Ultime Napoli Cannavaro