Coronavirus, in Nicaragua il calcio continua… In mascherine e guanti!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00

Coronavirus, in Nicaragua altro che stop: i calciatori continueranno a scendere in campo

Coronavirus, in Nicaragua il calcio non si ferma | Sono arrivate le misure restrittive in Italia, con l’annuncio in conferenza stampa anche del premier, Giuseppe Conte. Assieme alla nostra Nazione, i diversi Paesi si stanno piano piano adeguando alle norme, con il calcio che continua a restare fermo, ovunque. O quasi. Sì, perché clamorosamente in alcuni paesi continuano ad andare avanti le manifestazioni sportive e il Nicaragua è uno di questi. Il calcio va avanti lì, nonostante l’epidemia mondiale. Durante l’ultima assemblea all’interno del Paese, come riportato dai colleghi di Goal.com, si sarebbe deciso – nonostante cinque casi di COVID-19 all’interno della stessa Nazione – di portare avanti lo sport. I calciatori scenderanno comunque in campo e lo faranno con mascherine e guanti in lattice, per proteggersi dal virus.

Nicaragua, il calcio non si ferma nonostante il Coronavirus: solo tre Paesi portano ancora avanti il calcio

nicaragua coronavirus

Sarebbero soltanto tre i Paesi che continuano a portare avanti il calcio. Sono attualmente tre le competizioni aperte: in Bielorussia, in Nicaragua e in Burundi. Le decisioni di continuare a portare avanti il calcio non sono state prese bene da alcuni tesserati, che avrebbero deciso di scappare dal Paese per raggiungere i propri cari. E’ il caso del centrocampista del Ferretti, il russo Nikita Solodchenko, andato via per poter stare accanto alla propria famiglia.

coronavirus bollettino protezione civile