Coronavirus, Ekdal: “Del calcio non mi interessa, la gente sta morendo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

Coronavirus: le parole di Ekdal

Coronavirus Ekdal | L’allarme Coronavirus continua a spaventare tutti, e la situazione in Italia è piuttosto drammatica. I dati sono allucinanti, e il picco dei contagi potrebbe non essere ancora arrivato. Il calcio ha senz’altro subito uno scossone potente, e a saperlo bene sono i giocatori risultati positivi al tampone, tra cui c’è anche Albin Ekdal. Il centrocampista della Sampdoria ha voluto raccontare la sua quarantena ai microfoni di un’emittente olandese. Ecco le sue parole riportate da cm.com:

“Da qualche giorno sto meglio, i sintomi sono stati quelli di una classica influenza: febbre, un po di mal di testa e qualche dolore articolare. La situazione è surreale, le strade sono deserte, e quelle poche persone che vedo indossano la mascherina. Qui in Italia è preso tutto molto sul serio, speriamo di poter tornare alle nostre vite il prima possibile. In questo momento non mi interessa il calcio, l’economia sta subendo parecchio e la gente sta morendo”

Coronavirus: l’impatto shock sui giocatori

Anche il mondo del calcio è stato letteralmente ribaltato dall’emergenza Covid-19, e diversi giocatori nella nostra Serie A sono risultati positivi. Riprendere gli allenamenti e il campionato è una questione di poco conto, e adesso non si può far altro che aspettare la fine di questo calvario. Molti addetti ai lavori hanno analizzato la drasticità del tutto, compreso qualche patron, ad esempio Agnelli. 

coronavirus tg leonardo