FIGC, Gravina: “Fine della Serie A al 30 giugno oppure playoff e playout. Stipendi? Tagli non siano tabù”

| 18/03/2020 16:00

FIGC, Gravina ottimista sulla ripresa della Serie A | Il numero uno della Federcalcio Italiana, Gabriele Gravina, è sempre più ottimista circa la ripresa e la conclusione del campionato di Serie A. Dopo le decisioni della UEFA di rinviare EURO 2020 e di spostare di qualche settimana le finali di Champions League ed Europa League, ci sono possibilità anche di continuare il nostro campionato.

serie a Gravina

Serie A, Gravina segna il 30 giugno sul calendario: oppure ci saranno i playoff

Gabriele Gravina, Presidente della FIGC, ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Tutti Convocati sulla possibilità di concludere i campionati.

“Il rinvio di EURO 2020 era quello che speravamo tutti per poter riformulare i calendari dei campionati. Adesso abbiamo maggiori possibilità per posizionare alcune date a maggio e giugno sperando sia sufficiente per la deadline del 30 giugno. Siamo molto ottimisti: lavoriamo su ipotesi del 2 maggio e di completare i campionati, eventualmente sforando a luglio se non dovessimo farcela al 30 giugno. Qualore ce ne fosse bisogno e spero di no, chiederemo anche la possibilità di sforare nei primi 10 giorni di luglio. Solo nel caso in cui tutto questo non sarà possibile attueremo i playoff e i playout“.

Danni economici?La FIGC si sta impegnando nel raccogliere tutti i dati che le singole Leghe stanno elaborando. Al momento si parla di perdite per 200 milioni. Ma se i campionati dovessero fermarsi si arriverebbe a perdite per 700 milioni. Chiederemo un riconoscimento di forza maggiore per far sì che possa esserci anche la possibilità di rinegoziare al nostro interno alcuni contratti di mutualità perché il nostro mondo deve dare un segnale di capacità di autosostentamento e solidarietà interna”.

Tagli stipendi dei calciatori?In questo momento d’emergenza non deve essere un argomento tabù. Dobbiamo sederci al tavolo e decidere tutti insieme cosa sarà meglio fare. Siamo chiamati tutti insieme a dare un contributo di solidarietà“.

coronavirus champions league

Gravina sulla ripresa di Champions League ed Europa League

Ieri la UEFA ha anche deciso di rinviare a nuove date le finali di Champions League ed Europa League dato il rinvio momentaneo delle competizioni. Gravina, interrogato anche su questo argomento, ha spiegato i nuovi calendari proposti dalla UEFA.

“La UEFA ha indicato tante ipotesi di nuova partenza delle competizioni. La prima, quella più ottimistica è realtiva al 14 aprile che significa lasciare tutto com’è con lo spostamento delle finali. Un’altra riguarda il 13 giugno con qualche modifica al format delle coppe. Sarà costituito un gruppo di lavoro che prevede la partecipazione anche delle Leghe per capire come si possono conciliare tutte le esigenze”.


Continua a leggere