Coronavirus, calendario Serie A: il ‘via libera’ per ripartire

| 18/03/2020 08:00

Coronavirus, il calendario di Serie A potrebbe prendere forma dopo le decisioni della Uefa

Coronavirus – Calendario Serie A | Cambia tutto per il campionato italiano adesso, dopo le importanti decisioni arrivati dalla Uefa nella giornata di ieri. La Serie A, con il più ottimistico dei ragionamenti, potrà riprendere presto. Certo, l’intero Paese dovrà prima combattere il ‘nemico invisibile’ del Coronavirus, attuando tutte le mosse più giuste che indicheranno gli organi competenti, per poi tornare a svolgere regolarmente le attività quotidiane. Tra queste, appunto, anche quelle legate al calcio. Nella giornata di oggi La Gazzetta dello Sport ha aperto in prima pagina con il titolo ‘ViA Libera’ ed è di questa che si parla proprio per il campionato italiano. Sì, perché stando a quel che rivela la rosea, adesso dalla Lega Calcio si potrà ragionare sullo spalmare le sfide fino a luglio. Il rinvio di Euro al 2021 mette nella condizione il calcio italiano di riprendere le proprie attività, slittando il calendario con un programma ad hoc.

Serie A, il calendario della competizione dopo il Coronavirus: si potrebbe riprendere il 2 maggio, ecco quando terminerebbe

serie a malago coni

E’ arrivata nel pomeriggio di ieri la notizia importante dello slittamento di Euro 2020 al 2021, con le Federazioni d’accordo nell’incontro della Uefa in videoconferenza sulla decisione presa dagli organi competenti. La soluzione più giusta per tirare una linea al programma che toccherà attuare dopo l’emergenza Coronavirus. Al 30 giugno difficilmente andranno a chiudersi i campionati, considerando le diverse problematiche anche legate ai contratti dei giocatori con scadenza alla medesima data. Si conoscono già le date delle finali di Champions League ed Europa League, fissate rispettivamente al 27 e 25 giugno, mentre per il campionato italiano si potrebbe prolungare anche oltre giugno, arrivando fino al termine di luglio. La data di ripresa potrebbe essere il 2 maggio, con le gare che andrebbero a disputarsi nei week-end. Una soluzione più giusta, in attesa di ripresa del nostro Paese e dell’intero panorama mondiale.

Squalificati Serie A


Continua a leggere