Emergenza Coronavirus, Gattuso: “Oggi non penso al calcio, siamo tutti uguali. Momento molto stressante”

| 17/03/2020 13:31

Emergenza Coronavirus, Gattuso preoccupato | Il COVID-19 ha bloccato tutto in Italia, dalle scuole ai servizi per i cittadini, fino al calcio e ai divertimenti del popolo italiano. Il virus ha creato preoccupazioni e grattacapi a tutti, anche agli sportivi che da qualche giorno sono sotto osservazione da parte dei loro club per scongiurare eventuali contagi.

Gattuso

Emergenza Coronavirus, le parole di Gattuso

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni circa l’emergenza che sta vivendo l’Italia ai microfoni di Record, quotidiano portoghese.

“Il Governo ha chiuso tutto e le persone non possono uscire di casa. Non si può andare a scuola, a fare una passeggiata o nei ristoranti di sera. E’ impossibile uscire. Stiamo vivendo qualcosa di molto strano e stressante perché siamo molto preoccupati. Mentalmente è molto difficile da affrontare questa situazione, dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere e la nostra routine”.

Napoli Gattuso

Ultime Napoli, Gattuso sul COVID-19

Il Napoli fotunatamente non ha registrato alcun caso di Coronavirus ad oggi nonostante qualche trasferta “pericolosa” nelle ultime settimane di Serie A. Il tecnico azzurro, ci ha tenuto a precisare la nocività del COVID-19.

Siamo fatti tutti di carne e sangue. Totò, un vecchio comico napoletano, diceva: “Possiamo esser nobili o senzatetto, ma alla fine finiamo tutti sotto la stesa terra”. E’ quello che stiamo vivendo in questi giorni. Calcio? Al momento non ci penso, non mi interessa. Questo è un virus silenzioso. Molti sono infetti e non lo sanno”.

Il Napoli tornerà al lavoro (come da comunicazione del club) lunedì 23 marzo. E’ stata posticipata di una settimana la ripresa a Castel Volturno.


Continua a leggere