Juventus-Lione, Aulas: “Si dovrebbe giocare a porte chiuse, speriamo sia così”

| 10/03/2020 14:30

Juventus-Lione, le parole di Aulas | Il calcio italiano si è fermato ufficialmente ieri sera dopo la decisione del CONI e il decreto legge firmato dal Premier Giuseppe Conte. Vanno avanti, invece, le competizioni europee: la Champions League e l’Europa League non si fermeranno al momento. Stasera toccherà all’Atalanta che giocherà al Mestalla il ritorno contro il Valencia e la settimana prossima anche al Napoli e alla Juventus. Il Napoli affronterà la gara del Camp Nou a porte chiuse, c’è incertezza per lo svolgimento di Juventus-Lione.

juventus lione

Juventus-Lione, le parole di Jean-Michel Aulas

Jean-Michel Aulas, presidente del Lione, è intervenuto sul palco del BFM Business questa mattina e ha parlato della volontà di giocare a porte chiuse.

“Ogni giorno ci sono tante cose diverse che cambiano. Al momento la partita si dovrebbe giocare a Torino a porte chiuse e spero si vada avanti con questa opportunità. So che era stato fatto un piano anche per giocare a Malta”.

juventus lione aulas

Aulas si è espresso anche sui danni economici

Gli introiti saranno certamente minori rispetto alle gare a porte aperte ma anche il Presidente Aulas ha sottolineato l’importanza di salvaguardare la salute dei tifosi.

“Una partita di campionato arriva quasi a 2 milioni di euro di base. Ma si può arrivare a 6 milioni di euro, come avvenuto contro la Juventus quindici giorni fa”.

Porte chiuse? “Abbiamo dovuto pianificare uno sfollamento importante, c’erano più di 2000 registrati ma è più importante tenerli al sicuro”.


Continua a leggere