Napoli-Torino, Gattuso: “Abbiamo rischiato, la salvezza era l’obiettivo”

| 29/02/2020 23:31

Napoli-Torino, le parole di Gattuso | Il Napoli è tornato a vincere al San Paolo dopo la pesante sconfitta interna contro il Lecce del 9 febbraio. Gennaro Gattuso ha analizzato la vittoria contro il Torino ai microfoni di DAZN.

Ritiro Napoli Gattuso

Napoli, Gattuso analizza la gara con il Torino

Clicca qui per la sintesi e gli highlights di Napoli-Torino

Ecco quanto raccolto dalla nostra redazione: “Mertens? Dovete chiedere a Giuntoli o a De Laurentiis. Non possiamo permetterci certi errori ma questa è una squadra viva, complimenti ai difensori, si sono mossi bene e compatti. Ero molto impaurito, avevano caratteristiche che potevano metterci in difficoltà. Siamo superficiali, dobbiamo dare peso, non dobbiamo far crossare in modo facile, dobbiamo dar fastidio, c’è pigrizia. Penso che curare la linea in un certo modo ci fa pizzicare di più con le mezze ali, così gli attaccanti avversari fanno fatica, più siamo corti più riusciamo a pensare a palla coperta. Il problema è che dobbiamo starci con la testa, mancano 2 mesi e mezzo, quasi 3 mesi alla fine, oggi facciamo parlare il campo, siamo professionisti, dopo si risolverà tutto. Io so quello che abbiamo rischiato, c’è stato un momento che molti non hanno capito, quando parlavo di 40 punti ci credevo, la squadra si allenava facendo troppo pensieri, a fine anno poi vedremo le strade di ognuno di noi. Questa squadra non può dimenticare Lecce, Fiorentina, Parma. Ho sbagliato anche io per il mio ego, ci sono arrivato un po’ in ritardo. Non voglio sentir parlare di catenaccio, ma non possiamo permetterci pressione ultra-offensiva, a volte nemmeno offensiva. I miei giocatori sanno che per loro sono disposto ad arrivare in cima alla montagna, ma ci si allena come dico io, non come dicono loro“.


Continua a leggere