Fiorentina-Milan, il VAR non ha convinto i rossoneri: arriverà una protesta formale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

Fiorentina-Milan, il VAR ha fatto infuriare i rossoneri: ci sarà una protesta in sede

Fiorentina-Milan, VAR e proteste | Non hanno digerito le scelte arbitrali vissute nell’ultimo match a Firenze. Aria di ingiustizia da Milano, perché il rigore concesso alla Fiorentina nell’ultimo match del Milan all’Artemio Franchi, non è stato ancora accettato dall’ambiente rossonero. Senza troppi giri di parole avevano messo le cose in chiaro il ds Paolo Maldini e lo stesso allenatore Stefano Pioli, mettendo sotto la lente di ingrandimento la prestazione di Calvarese, non piaciuta proprio ai due. E’ per questo che, stando a quanto rivelato dal quotidiano Tuttosport, l’intera dirigenza milanista andrà ad eseguire una protesta formale anche con il capo degli arbitri, Marcello Nicchi. Sarà nella proprio nella sede arbitrale che il club milanista chiederà delle risposte, perché non ci sta ad arrestare così la corsa verso l’Europa.

CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

Fiorentina-Milan, i rossoneri non hanno digerito la scelta di non andare al VAR: la situazione

fiorentina milan ibrahimovic

Sono passati dei giorni e mentre sulla Serie A si riflette la complessa e caotica situazione legata al Coronavirus, da Casa Milan le polemiche non si arrestano. Le decisioni di Calvarese non sono state accettate dal club rossonero. La dirigenza non andrà a fermarsi alle sole parole di Paolo Maldini che, nel post-partita, ha espresso il proprio pensiero legato alle decisioni arbitrali. Questa che segue, è la sua ricostruzione sul confronto avuto con l’arbitro. “Ci ha detto che il tocco deve essere deciso, bastava che l’arbitro perdesse trenta secondi per andare a rivederlo. Invece non è andato e li è cambiata la partita”.

fiorentina milan maldini