Inter-Sampdoria, Conte in conferenza: “Difficile preparare più gare in una settimana. Ok Brozovic e Bastoni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:06

Inter-Sampdoria, la conferenza di Conte | Dopo l’importante vittoria contro il Ludogorets ai sedicesimi di finale di Europa League, l’Inter ospiterà la Sampdoria a San Siro. Antonio Conte, allenatore dell’Inter, ha presentato la gara in conferenza stampa.

inter-fiorentina conte

Inter, Conte non vuole cali di concentrazione: la conferenza stampa

Il tecnico leccese ha chiesto ai suoi di tenere alta la tensione per la delicata sfida interna contro la Sampdoria.

Clicca qui per le probabili formazioni di Inter-Sampdoria

“Dovremo cercare di ottenere i tre punti a tutti i costi. La Sampdoria è una squadra viva nonostante gli ultimi risultati. Hanno un allenatore di grande esperienza come Ranieri e grandi calciatori come Quagliarella che possono fare la differenza in ogni momento”.

La Juventus può scappare contro la SPAL?Dobbiamo pensare solo a noi stessi. Non sarà semplice fino alla fine. C’è l’Atalanta che corre parecchio, non si ferma e ormai è una realtà del nostro calcio. Dobbiamo guardare avanti sapendo che stiamo costruendo qualcosa di buono, non dobbiamo farci distrarre da ansie inutili”.

Lautaro?Ha margini di crescita notevoli, è già migliorato tanto rispetto alla scorsa stagione. Ha solo 22 anni ed è molto serio. Sono contento di averlo a disposizione”.

Cambiare modulo in corso?Servono determinati equilibri ed è fondamentale che le cose siano provate e riprovate. Poi dipende dalle partite e da come si mettono“.

Brozovic e Bastoni?Si sono allenati con noi. Oggi valuteremo la loro disponibilità e poi valuterò“.

Partite ravvicinate?Noi siamo preparati a questo tipo di stagione ma a volte dipende anche dagli avversari. Giocando giovedì sera in Europa, diventa difficile preparare le partite in un giorno solo“.

Coronavirus?Ci sono le autorità mediche che stanno lavorando per garantire sicurezza. Noi non dobbiamo fare altro che seguire le loro indicazioni e non creare allarmismi ma attenti a non sottovalutare la situazione“.