Stadio di Milano, arriva la svolta: ecco il progetto per San Siro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

Stadio di Milano, arriva la svolta

Stadio di Milano | Uno stadio polifunzionale destinato ad eventi sportivi di base e a manifestazioni di intrattenimento, a beneficio della cittadinanza per 365 giorni l’anno, spaziando dall’atletica al basket, dal calcetto all’arrampicata sportiva. E’ il futuro disegnato per il vecchio San Siro dalle società Milan e Inter che premono per un impianto del tutto nuovo restando comunque orientati a non abbattere il monumento del calcio e creando una vera e propria cittadella dello sport così da venire incontro alla volontà della Giunta comunale milanese. Ieri un nuovo incontro tra i rappresentanti del Comune di Milano e gli emissari dei due club che hanno presentato due ipotesi progettuali di rifunzionalizzazione dell’attuale Giuseppe Meazza, nel contesto della realizzazione di un nuovo stadio per Milano, sempre al quartiere San Siro.

Stadio di Milano

Stadio, ecco il progetto per San Siro

E l’idea che è stata messa sul tavolo è quella di una “energica correzione” in termini di fruibilità dell’impianto destinandolo prevalentemente a funzioni sportive di base e di intrattenimento in una ottica di servizio per i milanesi. Milan e Inter, come si legge nella nota congiunta da loro diffusa, “proseguiranno nell’approfondimento tecnico ed economico delle ipotesi progettuali presentate sempre in coerenza con le linee guida indicate dal Comune. In sostanza si intende mantenere l’impianto riducendo l’impatto delle volumetrie. La nota fa emergere una chiara unione di intenti e un primo passo concreto verso un punto di convergenza che possa soddisfare sia i club, pronti ad allestire uno stadio ex novo ‘salvaguardando’ però la sopravvivenza del Meazza“. Si profila dunque quella che viene denominata una ‘sport discrict’, una cittadella polifunzionale che più volte è stata avanzata dall’amministrazione comunale come punto fondamentale per l’effettivo via libera ai progetti. Palazzo Marino ha sempre detto che non vuole bloccare le progettualità presentate dai due club ma che ogni iniziativa sia allineata con le esigenze della città e che ha lo scopo di rivitalizzare e trasformare l’area di San Siro in un distretto verde dedicato all’intrattenimento e attivo tutto l’anno.